Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
immagine

XLIII Festival di Morgana - Le avventure di Carlotto di Spagna

(dal 07 Novembre 2018 al 08 Novembre 2018)

La Fondazione Ignazio Buttitta partecipa alla XLIII edizione del Festival di Morgana, promosso dal Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino. La rassegna quest’anno prevede oltre trenta spettacoli, due prime nazionali, sette compagnie di opera dei pupi provenienti da tutta la Sicilia e quattro compagnie internazionali di teatro d’immagine contemporaneo da Francia, Spagna e Irlanda.

Insieme al Museo delle marionette Antonio Pasqualino saranno coinvolti altri sette luoghi-simbolo della presenza del teatro dei pupi in città: la Chiesa S.S. Euno e Giuliano, Palazzo Alliata di Villafranca, Palazzo Riso, Palazzo delle Aquile, Palazzo Butera, il Teatro Carlo Magno, il Teatro Ditirammu.

Il programma prevede anche la realizzazione, presso il Museo delle marionette, della mostra multimediale Pupi videodrome, allestita da Enzo Venezia, che presenta cinque progetti artistici di innovazione tecnologica; del ciclo di proiezioni di film d'animazione Petits Malins in collaborazione l'Institut Français di Palermo e la presentazione di libri e video presso la Biblioteca Vittorietti nel Complesso dello Steri.

Il 7 e 8 novembre alle ore 17.00, al Teatro Carlo Magno, si terrà lo spettacolo "Le avventure di Carlotto di Spagna", Compagnia Famiglia Mancuso (Palermo).

Protagonista di questa vicenda sarà  Carlo Magno che vincitore della giostra sotto il nome di Mainetto, fuggirà promettendo di rivelare la propria identità solo in seguito. Intanto Bramante, indignato con Galafro, re di Spagna, per non essere stato invitato a partecipare alla giostra e adirato a causa del rifiuto da parte della bella Galenara, promette vendetta alla Spagna. Polinoro cingendo la spada Durinda riesce a far prigionieri Buligante, Marsilio, Falserone, Alieno di Salza, Morando il re Galafro ed il maestro di scherma di Carlo Morando. Qui  Carlo timoroso per l'esito della battaglia e temendo di perdere l'amata Galenara , indossa l'armatura riuscendo a sconfiggere ed uccidere Polinoro ed ad impossessarsi della spada Durlindana. Solo grazie all'aiuto di Morando che svelerà il punto vulnerabile, ucciderà il re Bramante .

La Compagnia Famiglia Mancuso è nata per iniziativa di Enzo Mancuso, ultimo discendente della omonima famiglia di pupari che diede inizio alla propria attività a Palermo nel 1928, aprendo un teatrino dell'Opera dei pupi nel quartiere Borgo Vecchio. Antonino Mancuso, allievo del puparo Pernice, trasferì il suo teatro in diverse zone di Palermo e in vari paesi della provincia, viaggiando a bordo di un camion trasformato in teatro. Fino a quando si ferma a Palermo in piazza don Luigi Sturzo, dove resta fino alla sua morte, nel 1988. Mancuso porta innovazioni agli spettacoli: nelle armature con elmi alla greca e romani. Agli spettacoli partecipano i figli Nino, Pino e Stefano. Suo figlio Nino all'età di 14 anni mette in scena il suo primo ciclo della storia dei paladini di Francia, in 360 serate, a Misilmeri. Collabora con il padre fino alla sua scomparsa. Nino è ancora oggi abilissimo puparo ed è considerato anche un esperto costruttore. Dei suoi figli soltanto Enzo segue le orme. Enzo nato a Palermo nel 1974, è titolare dell'attuale compagnia ed è perciò figlio e nipote d'arte. Sin da bambino è attivo come aiutante, esordisce a 13 anni come precocissimo puparo con il suo primo spettacolo "Morte di Agricane". Restaura alcuni pupi ereditati dal nonno ed inizia la sua attività nel 1994. Con l'insegnamento del padre e dello zio si dedica alla costruzione dei pupi, usando le antiche tecniche dei vecchi maestri, mettendo in scena alcune episodi legati alla storia dei paladini di Francia. Il giovane Enzo Mancuso, oggi considerato uno dei più solidi pupari palermitani, non si è fermato all'apprendimento delle tecniche della costruzione e della manovra, ma ha approfondito lo studio di vecchi "canovacci" e perfezionato la tecnica recitativa. La sua compagnia denominata Carlo Magnopartecipa a più edizionoi ad importanti Festival di Figura: il Festival di Morgana e la Notte delle Marionette organizzati dal Museo Internazionale delle Marionette di Palermo; La macchina dei sogni organizzata dall'associazione figli d'arte Cuticchio, la rassegna del teatro delle marionette organizzata dal comune di Sortino ed la 30 edizione del Festival di Sant'Arcangelo.inoltre la compagnia dal 1999 al 200 viene inserita nella manifestazione estiva promosse dal comune di Palermo come Palermo di Scena e Palermo Tutta.

Qui il programma integrale del Festival: www.museodellemarionette.it

Tutti gli spettacoli sono a ingresso gratuito

foto