Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
immagine

Carnevale al Politeama

(dal 24 Febbraio 2019 al 26 Febbraio 2019)

Carnevale tra danze, maschere e musica Tre giorni di spettacolo dedicati al Carnevale da domenica 24á a martedý 26 febbraio 18 al Politeama Garibaldi, con l’Orchestra Giovanile Siciliana diretta da Salvatore Percacciolo, “I Ragazzi” del coro di voci bianche della Foss,á gli alunni del Liceo Coreutico Regina Margherita.
La festa di Carnevale si apre con “Le boeuf sur le toit” (Il bue sul tetto), di Darius Milha, , prosegue con “La boţte Ó joujoux” (La scatola dei balocchi), balletto di Claude Debussy e si conclude con la “Danša Brasileira”.

Debutta domenica 24 febbraio alle ore 18 al Politeama Garibaldi, lo spettacolo Carnevale in danza con l’Orchestra Giovanile Siciliana diretta da Salvatore Percacciolo, “I Ragazzi” del coro di voci bianche della FOSS,á gli alunni del Liceo Coreutico Regina Margherita. Narrazione e regia di Luigi Maria Rausa, coreografie di Alessandro Giambirtone e Laura Miraglia. Replicheá per le scuole lunedý 25 e martedý 26 febbraio alle 9,30 e alle 11,30. Carnevale in danza si annuncia come un grande spettacolo. La nostra festa di Carnevale si apre con Le boeuf sur le toit (Il bue sul tetto), di Darius Milha, prosegue con La boţte Ó joujoux (La scatola dei balocchi), balletto di Claude Debussy, e si conclude con laá Danša Brasileira.

Leá boeuf sur le toit (Il bue sul tetto).á E’ una sgargiante fantasia in forma di rond˛ su temi brasiliani, che Ŕ tra le prime composizioni con cui Darius Milha, si afferma in campo internazionale. Ritornato a Parigi, dopo essere stato in Brasile per circa due anni come addetto all’Ambasciata francese di Rio de Janeiro, aveva dichiarato di voler scrivere un balletto sul Carnevale di Rio, intitolato Le boeuf sur le toit, dal nome della samba di successo “ballata dalle donne nere, vestite di blu”. Al suo ritorno in Francia compone dunque una breve
vivace Fantasia sinfonica pensata originariamente per accompagnare la proiezione di un film muto di Charlie Chaplin. Quella CinÚma-Symphonie ispirerÓ Jean Cocteau cambiandone il destino. Ne nasce infatti nel 1920 uno spettacolo di music-hall, popolato di strani personaggi e interpretato addirittura dai famosi pagliacci del Circo Medrano. Il balletto, ambientato ai tempi del proibizionismo, descrive situazioni tra l’assurdo e il surreale che si verificano nel mondo convulso e variopinto degli abituali frequentatori di un bistrot. L’animato e acceso conversare dÓ origine a una vera e propria rissa, sedata sul pi¨ bello dall’arrivo della polizia e il bistrot diventa subito una normalissima latteria. Milhaud utilizza per il balletto melodie popolari latino-americane: maxixe (una specie di polka afro-brasiliana in due tempi), samba e persino un fado portoghese, unite in forma di rond˛ da un tema ricorrente. La musica a volte appare caotica, disordinata: Ŕ l‘effetto della politonalitÓ, spesso utilizzata da Milhaud come elemento provocatorio.

La boţte Ó joujoux. (La scatola dei balocchi). Questo balletto fu l’ultimo lavoro di Claude Debussy, con le coreografie di Alessandro Giambirtone e Laura Miraglia.
Lo spettacolo si chiuderÓ con La "Danša Brasileira", in cui l’energia della danza pulsa di un vigore e un’immediatezza quasi fisica coinvolgendo l’intero corpo orchestrale, Ŕ la sua opera pi¨ famosa al di fuori del Brasile che lo ha portato sulla strada della fama in tutto il mondo. E' Carnevale, dunque siete invitati a indossare un costume adeguato. Spettatori siete avvisati: rovistate nel guardaroba e se non trovate nulla che festeggi il Carnevale inventatevi un costume! Una festa tra divertimento e musica: il Carnevale!
Il Carnevale Ŕ sicuramente uno degli spettacoli pi¨ interessanti e antichi della storia. Questa gioiosa e colorata festa, le cui origini sono antichissime e si fanno risalire ai Saturnali romani, che si celebravano in onore del nuovo anno, ma anche ai Lupercali e alle Dionisiache greche, ha sempre avuto grandissima importanza e forte richiamo fin dai primi tempi della sua celebrazione, sia per il carattere propiziatorio (l’uso delle maschere serviva a scacciare le presenze demoniache e ad augurare raccolti generosi) sia, e soprattutto, per il senso di libertÓ da obblighi e ruoli di cui avrebbe goduto la popolazione. Difatti, durante il periodo del Carnevale il popolo poteva concedersi uno smodato godimento di cibo, bevande e piaceri sensuali e, grazie al travestimento, poteva godere di unww temporaneo sovvertimento dell'ordine sociale scambiandosi i ruoli. Il Carnevale Ŕ dunque rivoluzione, divertimento allo stato puro, preziosa valvola di sfogo che prevale sulla routine quotidiana e dove c’Ŕ libertÓ, c’Ŕ arte. un balletto destinato all'infanzia inizialmente come spettacolo di marionette, con gli alunni del Liceo Coreutico Regina Margherita. In scena “I Ragazzi” del coro di voci bianche della Foss: movimenti coreografici Di Maria Elena Iozza, assistente alla regia Azzurra Vittoria Moscia; gli alunni delá Liceo Coreutico “Regina Margherita” Giuseppe Caracappa (soldatino), Vittoria Anello/Sofia Gaspare Morticelli (ballerina), Rosa Fabiana Battaglia (Pulcinella).

Biglietti al Botteghino del Politeama e un'ora e mezza prima del concerto: 10 euro (abbonati Foss, 8 euro, under 14, 5 euro. Info: 091 6072532/533 biglietteria@orchestrasinfonicasiciliana.itá - vivaticket – www.orchestrasinfonicasiciliana.it

foto foto