Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

Nel nome del padre

(24 Novembre 2019)

Domenica 24 novembre 2019, alle ore 20:00, presso la Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo, si terrà lo spettacolo teatrale "Nel nome del padre" di Luigi Lunari.

Le scene, firmate dallo stesso Scuderi, includono una scultura di Marcello Chiarenza.

Due giovani si ritrovano in un luogo misterioso, una specie di purgatorio dove devono liberarsi dai loro drammatici ricordi per approdare a una meritata pace. Rosemary e Aldo provengono dai poli opposti della nostra società: sono figli di due importanti uomini politici storicamente esistiti, di contrapposte posizioni ideologiche. Lei eÌ€ figlia di un uomo molto potente, il cui operato ha condizionati gli equilibri e le sorti del mondo durante il Novecento, lui eÌ€ il figlio di un povero rivoluzionario, che ha lottato per sconfiggere le ingiustizie di quel mondo propugnando l’uguaglianza tra gli uomini. Diciamo pure “una capitalista” e “un comunista”.

Entrambi i figli hanno pagato un durissimo prezzo alla personalità e alle ambizioni – pur cosiÌ€ diverse – dei loro padri, dai quali sono rimasti irrimediabilmente schiacciati. Il dramma si sviluppa intorno al serrato dialogo liberatorio di questi due personaggi, in un luogo dell’anima non ben precisato, quasi una sala d’attesa verso un ipotetico aldilà.

«Con Nel nome del padre – spiega il regista Alfio Scuderi – vogliamo raccontare la storia di un uomo e una donna che si incontrano in uno spazio anonimo, misterioso, indefinito, forse un luogo della mente, una strana anticamera in cui si aspetta qualcosa, forse di incontrare qualcuno. È in questo luogo che i nostri protagonisti - due ragazzi fragili, schiacciati dalle ingombranti figure dei rispettivi genitori - ripercorrono le loro storie, ripensano alle loro vite. Due storie vissute in due paesi lontani, con due padri ingombranti alle loro spalle, le cui vicende si intrecciano con le storie dei due rispettivi paesi d’origine. Da una parte la malattia, la particolare condizione psichica, l’umanità, la sensibilità dei nostri protagonisti, dall’altra una vita che poteva essere diversa, migliore, forse più normale. Sullo sfondo, la storia di famiglie storicamente riconosciute che hanno condizionato la storia del Novecento. In scena, queste due storie così lontane e diverse diventano la stessa storia, con gli stessi percorsi, le stesse emozioni. Il teatro fa incontrare questi due ragazzi, cosi socialmente diversi, ma di fatto così simili, tanto da diventare, in questo luogo misterioso, due facce della stessa medaglia, due pezzi di una stessa storia, due vite in una».

Nei suoi appunti, Luigi Lunari sottolineava come «Lo spettatore noti e si renda conto di una cosa strana e interessante al tempo stesso: i due protagonisti appartengono ai due poli opposti della scala sociale. Lei è figlia di un uomo potentissimo, un vero e proprio protagonista del mondo del potere e del danaro, lui è il figlio di un povero rivoluzionario, per lungo tempo esule dalla sua patria, che lotta per sconfiggere quel mondo ed imporre una nuova eguaglianza tra gli uomini. I due ragazzi hanno una cosa in comune: tutti e due sono stati “schiacciati” dai loro genitori. Per quanto i genitori avessero ideali e obbiettivi di vita opposti, tutti e due – Aldo e Rosemary – sono stati sacrificati sull’altare di quegli ideali, tutti e due ne hanno portato pesantemente le conseguenze, tutti e due ne sono rimasti irrimediabilmente vittime. È questa, credo, l’occasione di riflessione più importante del testo: il suo messaggio. Il pesante prezzo che i figli devono pagare per le ambizioni – nobili o banali, ideali o terrene, divine o diaboliche che siano – dei loro padri».

Con la ripresa di Nel nome del padre il Teatro Biondo vuole ricordare Luigi Lunari, apprezzato scrittore, traduttore, critico e autore di teatro scomparso lo scorso agosto all’età di 85 anni. 

Di Lunari il Biondo aveva prodotto anche una fortunata edizione del testo Tre sull’altalena, tra le commedie più rappresentate al mondo (tradotto in 26 lingue). Il rapporto di Lunari col teatro cominciò nel 1960 al Piccolo di Milano, dove venne incaricato, tra l’altro, di curare l’Ufficio Studi, che è oggi uno degli archivi storici teatrali vasti al mondo. Al Piccolo Lunari rimase vent’anni, al fianco di Paolo Grassi e Giorgio Strehler. Di Strehler conosceva tutto: vizi e virtù, che nel 1991 raccontò con «ironia, fulminante perfidia, ilarità e affetto», come scrisse Aldo Grasso, nella biografia Il Maestro e gli altri (La Vita Felice), Negli anni del Piccolo Lunari tradusse Brecht, Shakespeare, Molière e Cechov. 

Fu anche sceneggiatore per radio e televisione, saggista con una decina di studi pubblicati e scrisse oltre venti copioni, tra cui Non so, non ho visto, se c’ero dormivo (1966), Il senatore Fox (1979), L’uomo che incontrò sé stesso (1995), Sotto un ponte lungo un fiume... (2004), Il canto del cigno (2006). Tre sull’altalena (1990) fu il testo originale che più gli diede fama: «Una macchina di fantastica fattura», questo il giudizio di Dario Fo. 

Nel nome del padre è stato rappresentato a Parigi, Tokyo e New York. 

Costo biglietti: intero euro 16; ridotto euro 14; studenti euro 8

Maggiori informazioni su: http://www.teatrobiondo.it/

mappa
foto foto foto foto foto
</> Cultura