Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

Il Natale come momento di ritrovo e come ritrovarsi: le acque di mezzo

(04 Gennaio 2020)

Il 4 gennaio, alle ore 21:00, presso il Teatro Sant’Eugenio Papa si terrà "Il Natale come momento di ritrovo e come ritrovarsi: le acque di mezzo"

Progetto drammaturgico e regia di Gianfranco Perriera, musiche originali di Paolo Rigano. Con Elena Pistillo e Silvia Di Giovanna Le musiche sono eseguite da Andrea Rigano al violoncello e Cinzia Guarino al pianoforte.

Due donne – simbolo dell’inquieta e spaesata coscienza contemporanea - costrette a migrare, dopo aver navigato per l’intero Mediterraneo, approderanno finalmente in una terra dove incontreranno un’accoglienza amichevole. Connubio di musica e parola poetica, lo spettacolo attraversa e interseca testi tratti da Omero, Virgilio, Omar Khayyam, Yunus Emre, Dante Alighieri, John Keats, Lautreamont, Adonis,Ismail Kadare, Michel Onfray alle composizioni di Paolo Rigano, che mescolano e richiamano atmosfere ora arabeggianti, ora ebraico-sefardite, ora spagnole, ora africane.

Come nel viaggio che sotto minaccia furono costretti ad intraprendere i genitori terreni del Cristo, nell’errare tra mille pericoli delle due donne protagoniste dello spettacolo si disegna la più generosa aspirazione degli umani: il dispiegarsi delle differenze (le molteplici individualità, le infinite storie di ogni vivente, il legame fragile ma necessario fra passato e futuro) in un concerto accogliente in cui nessuna voce sia spenta o soffocata dalle altre. E’ questa l’epoca, si sente spesso dire, in cui ogni umano rischia di aver perduto il senso di una responsabile e personale esperienza. Il mondo ci giunge a casa, attraverso gli schermi, ora grandissimi, ora piccolissimi. Preconfezionato e prepotente. I tempi ci vogliono sostanzialmente superflui? Queste due donne, insieme corpi concretissimi e parola musicalmente ispirata, nel loro viaggio affronteranno il naufragio, proveranno il dolore e la fame, patiranno l’inclemenza degli uomini e della natura, ma non molleranno mai la rotta che ci vuole generosamente umani. Perché quanto di più delicato ci costituisce possa ancora rinascere. Perché l’umano ritrovi la grazia che si leva proprio dalla irripetibile e fragilissima singolarità di ognuno di noi. Di ognuno dei nati e dei nascituri.

Evento finanziato dal Comune di Palermo nell'ambito della Manifestazione di Interesse per la realizzazione di iniziative culturali ed Eventi per le Festività Natalizie 2019.

mappa
foto