Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

Frammenti

(dal 04 Marzo 2020 al 11 Marzo 2020)

Dal 4 all'11 marzo, presso il Centro Camus avrà luogo la mostra "Frammenti"

Aggiornamento del 05/03/2020 ore 14:13

MOMENTANEAMENTE SOSPESO IN ATTESA DI VERIFICA DEI REQUISITI PREVISTI DAL DECRETO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 04/03/2020

Il progetto artistico Frammenti di Matteo Dragá, curato dalla critica d’arte Alessandra Consiglio e dal responsabile della sezione Arte di Camus Lorenzo Pileri,  verrano esposti gli ultimi lavori su tela dell’artista siciliano Matteo Dragá, giovane emergente già protagonista di progetti di riqualificazione urbana, laboratori artistici di arte contemporanea per bambini autistici , oltre le varie esposizioni in Sicilia e Firenze presso OnArt Gallery, luogo di sperimentazione e contaminazione artistica curato dalla scenografa Romina Sangiovanni.

Le opere sono frutto di una ricerca artistica tra pittura acrilica e carta, oltre ad uso di tessuti e materiali di scarto inseriti per completare il messaggio che il giovane artista vuole suggerire al fruitore.

All’interno della mostra ci saranno frammenti fotografici e l’uso di luminarie artistiche come simbolo ed omaggio alla terra siciliana.

Il frammento può venire compreso come la cifra caratteristica della modernità; il mondo moderno, infatti, si pone sotto il segno della dispersione, della deflagrazione del senso, della moltiplicazione delle prospettive, i lavori in mostra sono frutto di uno studio da immagini e manifesti che vengono inseriti in un insieme grafico nuovo, scomposti come se fosse un collage e spesso nascosti dallo stesso artista con il segno caratteristico della pittura informale, nelle prime personali era la parola o la poesia ad accompagnare le opere, adesso saranno i frammenti fotografici, esposti sui muri del circolo culturale Camus come se fossero manifesti pubblicitari, ma sono dettagli dell’intera opera messa in mostra. Un artificio per rendere l’esposizione più dinamica ed anche per suggerire al fruitore/ osservatore di soffermarsi su alcuni punti del quadro, un velato messaggio di denuncia sociale alla società contemporanea, spesso distratta ed insensibile.

mappa
foto