Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

Nascita di Orlandino

(12 Giugno 2021)

Il 12 giugno, alle ore 21:00, al Teatro Carlo Magno, avrà luogo lo spettacolo dei pupi "Nascita di Orlandino" - Evento trasmesso in streaming

Durante la loro fuga da Parigi, giunti in un bosco, Berta e Milone liberano la principessa Galisena da due ladroni. Nel racconto della sua triste storia, i due innamorati trovano molte somiglianze con la loro e decidono di viaggiare insieme. Nel frattempo, un angelo appare a Carlo Magno che, in preda alla disperazione per l'affronto subito, viene così a sapere che la sorella è incinta e che il bimbo che porta in grembo diverrà la bandiera della cristianità. Placato dalla lieta notizia, Carlo revoca l'ordine di uccidere i due amanti, pur confermando il loro esilio dalle terre di Francia. Riunisce allora il consiglio e invia un messo al papa per informarlo della sua decisione. Grazie all'intervento tempestivo del pontefice, l’ordine di esecuzione di Ginamo e Gano viene revocato.

Nel frattempo, i fuggitivi, ancora in esilio, si imbarcano su una nave. Il comandante Raimondo, invaghitosi di Berta, decide di rapirla. Milone uccide i marinai che lo assalgono e durante una furiosa tempesta, si getta fuori bordo insieme a Berta e Galisena.

Compagnia Famiglia Mancuso. La compagnia è nata su iniziativa di Enzo Mancuso, ultimo discendente dell’omonima famiglia di pupari che diede inizio alla propria attività a Palermo nel 1928, quando il cavaliere Antonino Mancuso, aprì il suo primo teatro dell'Opera dei pupi. Maestri del cavaliere Antonino furono il puparo Giovanni Pernice e il figlio Nino, che avevano un teatro nel quartiere del Borgo Vecchio, dove egli iniziò a fare l’aiutante all’età di dieci anni. Dopo il servizio militare e il successivo matrimonio, il cavaliere acquistò un mestiere completo e da allora si esibì non soltanto a Palermo, ma anche in vari paesi della provincia. A metà del secolo scorso, negli anni della crisi dell’Opera dei pupi, Antonino allestì un teatro itinerante sopra un camion per rappresentare gli spettacoli nei quartieri cittadini e nei paesi. Creò anche un armadio-teatro dove animava dei pupi più piccoli per esibirsi nelle case private. Le sedi più importanti dell’Opera dei pupi di Antonino Mancuso furono nel quartiere palermitano del Borgo Vecchio. Mancuso apportò alcune innovazioni alle armature, con elmi “alla greca” e “alla romana”. Alla realizzazione degli spettacoli partecipavano i figli Nino (papà di Enzo), Pino e Stefano.

Enzo è nato a Palermo nel 1974 ed è l'anima dell'attuale compagnia. Non si è fermato all'apprendimento delle tecniche della costruzione e della manovra, ma ha approfondito lo studio di antichi canovacci e perfezionato la tecnica recitativa grazie alla collaborazione con il Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino che gli ha permesso di ampliare il repertorio attraverso la programmazione di cicli di spettacoli annuali ai quali partecipava attivamente il padre Nino fino agli ultimi anni della sua vita. Nel 2003 apre il suo teatro nello storico quartiere del Borgo Vecchio dove effettua spettacoli regolari per tutto l’anno. Oltre ad essere un abilissimo costruttore di pupi e oprante, Enzo ha rivelato nel tempo una particolare capacità nell’arte del cunto.

Per seguire lo spettacolo in streaming | Sabato 12 giugno ore 21:00

https://it-it.facebook.com/teatrocarlomagno

mappa
allegato
allegato
foto