Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Tre sull'Altalena in scena al Biondo

(dal 13 Gennaio 2015 al 27 Gennaio 2015)

Tre sull'altalena di Luigi Lunari regia Alfio Scuderi con Vincenzo Ferrera, Massimiliano Geraci, Fabrizio Romano scene e costumi Daniela Cernigliaro produzione 2015 Teatro Biondo Stabile di Palermo Tre uomini si ritrovano in una stanza: il primo, un piccolo proprietario d'industria, aspetta una donna nella camera di una pensione; il secondo, un militare, crede di trovarsi in un ufficio informatico; il terzo, uno scrittore, vorrebbe recuperare le stampe del suo libro, pensando di essere nell'ufficio della casa editrice. I tre uomini - giunti da altrettante porte differenti - non si conoscono. Il mistero si infittisce quando sembra che i tre non possano uscire se non dalla porta da cui sono entrati. Obbligati a passare una notte in quella stanza a causa dell'allarme antismog che gli impedisce di lasciare il locale, cominceranno a interrogarsi su quanto sta accadendo e a dare delle risposte all'enigma che li coinvolge. Questo lo spunto iniziale di Tre sull'altalena, successo internazionale di Luigi Lunari, tradotto in ventiquattro lingue e rappresentato in tutto il mondo. Come afferma lo stesso autore: «I tre personaggi non hanno assolutamente nulla da dirsi, i soli temi di cui quindi possono discutere sono i temi fondamentali dell'esistenza: vita e morte, libertą e costrizione, scienza e mistero, ragione e fede». «Negli ultimi anni - spiega il regista Alfio Scuderi - il teatro contemporaneo ci ha portato spesso (con successo) verso un'assenza di dialoghi, di parole, di racconto e invece oggi penso che mettere in scena una commedia ben scritta, con dialoghi efficaci, che racconti una storia intrigante e particolare, possa avvicinare un pubblico (apparentemente) meno interessato al teatro. Il mio lavoro sul testo di Lunari, che ancora oggi, dopo 25 anni dal suo primo debutto, considero molto moderno e attuale, parte dall'assunto 'chi ci impedisce di dire cose serie ridendo?'».

foto