Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Brahms e Sostakovič al Politeama

(dal 23 Gennaio 2015 al 24 Gennaio 2015)

Brahms e Sostakovič: due grandi compositori per il concerto dell'OSS con la direzione di Damian Iorio e con Giulio Biddau al pianoforte Il decimo concerto in abbonamento della Stagione concertistica 2014/2015 dell'Orchestra Sinfonica Siciliana, in programma sabato 23 gennaio alle ore 21,15 (turno serale) e sabato 24 gennaio alle ore 17,30 (turno pomeridiano), presenta le musiche di due grandi compositori: Brahms e Sostakovič. Il concerto sponsorizzato dal Banco di Sardegna si avvarrà della direzione di Damian Iorio e della partecipazione del giovane pianista sardo Giulio Biddau. La gestazione del Concerto n. 1 in re minore per pianoforte e orchestra ebbe un iter piuttosto travagliato. Brahms, infatti, non sentendosi probabilmente ancora abbastanza maturo per il genere sinfonico, concepì all'inizio una sonata per due pianoforti come esperimento che gli avrebbe permesso di giungere alla sinfonia. Si dedicò per ben tre anni alla composizione del suo primo concerto tormentato da dubbi e ripensamenti che lo indussero ad effettuare rimaneggiamenti continui. La sua prima esecuzione, il 22 gennaio 1859 al Teatro Reale di Hannover con la direzione di Joachim e con lo stesso autore al pianoforte, ebbe, infatti, un'accoglienza tiepida da parte del pubblico e lo stesso insuccesso riscosse, pochi giorni dopo, quando fu presentato al Gewandhaus di Lipsia sotto la direzione di Julius Riez ottenendo una violenta bordata di fischi. Pur amareggiato, Brahms era conscio dei suoi limiti e sicuro che un giorno, quando ne avrebbe migliorato l'anatomia, il Concerto sarebbe piaciuto e così fu. La Quindicesima, e ultima, sinfonia è ritenuta unanimemente dalla critica il testamento spirituale di Sostakovič. Gli ultimi anni di vita di Sostakovič, infatti, furono caratterizzati da frequenti ricoveri durante i quali continuò a scrivere musica. Durante un periodo di degenza trascorso all'ospedale di Kurgan nel mese di giugno del 1971, Sostakovič iniziò a comporre la Quindicesima sinfonia che avrebbe completato tre mesi dopo durante un suo soggiorno nella Casa dei compositori di Repino. La prima esecuzione, avvenuta l'8 gennaio 1972 a Mosca con l'orchestra della Radio Sovietica diretta dal figlio Maxim, regalò uno dei rari momenti di felicità di quell'anno a Sostakovič che, colpito nel mese di settembre da un secondo infarto, sarebbe stato costretto a non scrivere più musica. Info: 091 6072532 - biglietteria@orchestrasinfonicasiciliana.it Note biografiche Damian Iorio, direttore Damian Iorio dirigerà la San Francisco Symphony Orchestra in Aprile 2015. Tra le Orchestre che lo hanno invitato più volte vi sono la Detroit Symphony, London Philharmonic, BBC Symphony, BBC Philharmonic, Netherlands Radio Philharmonic, St Petersburg Philharmonic, l'Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, Orchestre National de Belgique, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Orchestre de Chambre de Lausanne, Orquestra Sinfónica do Porto Casa da Música, la Iceland Symphony Orchestra, l'Orchestra della Svizzera Italiana di Lugano, la Tchaikovsky Symphony Orchestra di Mosca, la Netherlands Symphony Orchestra, l'Orquesta Sinfónica de Castilla y León, la Noord Nederlands Orkest, la Norrlands Operan (Svezia), la Sofia National Opera. Damian Iorio ha diretto Macbeth di Verdi al Glyndebourne Festival Opera, The Bartered Bride di Smetana all'Opéra di Parigi. Ha diretto The Rape of Lucretia di Britten alla Central City Opera in Colorado, The Turn of the Screw di Britten a San Pietroburgo, The Man who mistook his wife for a hat di Michael Nyman a Mosca (che ha ricevuto una nomination al Golden Mask Festival come Migliore Produzione Operistica nel 2004). Invitato dall'Opera di Bonn per Turandot di Puccini ha collaborato con la Norwegian Opera e si è poi trasferito in Italia dove ha diretto Bohéme per il Circuito ASLICO (Como, Torino, Brescia, Trento). Damian Iorio è nato a Londra da una famiglia di musicisti italiani e inglesi, ha vissuto nel nord Europa e in Russia e attualmente vive in Italia. Nel 2006 è stato insignito del titolo di Cavaliere dell'Ordine di Sant'Agata dalla Repubblica di San Marino come riconoscimento del suo impegno per la musica. Dopo lo studio del violino in Gran Bretagna e negli USA, Damian Iorio entra a far parte della Danish Radio Symphony Orchestra dove studia direzione d'orchestra, perfezionandosi poi a San Pietroburgo; viene ben presto nominato direttore musicale della Philarmonic Orchestra di Murmansk con la quale inizia anche un'attività di direttore d'opera. Ha un vasto repertorio che privilegia il tardo romantico e gli inizi del ventesimo secolo fino al periodo preclassico e al contemporaneo. Giulio Biddau, pianoforte Giulio Biddau, nato a Cagliari ha intrapreso a dodici anni lo studio del pianoforte con Arlette Giangrandi Eggmann e si è diplomato presso il Conservatorio della sua città. Ha proseguito gli studi pianistici a Parigi sotto la guida di Jean Marc Luisada all'École Normale, dove ha ottenuto il Diplome Supérieur de Concertiste e privatamente con Aldo Ciccolini. In seguito ha conseguito con lode il diploma di perfezionamento dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia nella classe di Sergio Perticaroli. Attualmente studia alla Hochschule für Musik 'Hanns Eisler' di Berlino con Fabio Bidini. Nel 2001 ha esordito con il Concerto n. 3 di Beethoven alla Berwaldhallen di Stoccolma, vincendo il secondo premio allo Stockholm Young Pianist International Competitio. Finalista in diversi concorsi internazionali fra cui il Concorso Casagrande di Terni, Porrino di Cagliari, Iturbi di Valencia. Nel 2009 vince il Primo Premio al Concorso Les Nuits Pianistiques - Lauréats SPEDIDAM di Aix-en-Provence, che lo porta ad essere invitato da alcuni importanti festivals in Francia, tra cui il Festival Radio France di Montpellier, il Festival Pablo Casals e il Festival Piano en Valois. Ha tenuto numerosi concerti e recitals in Italia (Accademia di Santa Cecilia a Roma, Teatro Lirico di Cagliari, Festival Dino Ciani a Cortina, Teatro Verdi di Trieste); in Francia alla Salle Cortot di Parigi, al Grand Theatre de Provence di Aix-en-Provence, a Pontoise, Nancy, Rouffach, Gerberoy e poi in Spagna al Palau de la Musica di Valencia e a Leon, e ancora Slovenia, Austria, Svezia e Cina (Oriental Art Center di Shanghai e Auditorium della Tsinghua University di Pechino). Ha suonato sotto la direzione di Lawrence Foster, François-Xavier Roth, Tan Dun, Max Bragado, Filippo Maria Bressan con orchestre prestigiose quali l'Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia, Orchestre National de Montpellier, Orchestra del Palau de la Musica di Valencia, Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, Les Siècles, Sinfonica Abruzzese, Orchestra di Padova e del Veneto. Il suo impegno nella musica contemporanea l'ha visto protagonista nel marzo 2010 della prima mondiale del Banquet Concerto di Tan Dun per pianoforte coro e orchestra commissionato dall'Accademia di Santa Cecilia e ritrasmesso poi da RAI Radio3. Emissioni anche per France Musique e per la televisione giapponese NHK. Nel gennaio 2012 è stato pubblicato il suo primo disco interamente dedicato a Gabriel Fauré, con l'integrale delle Barcarole e il Thème et Variations, edito Aparté e distribuito in Italia da Harmonia Mundi.

allegato
foto foto