Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Beethoven e Bruckner con Simone Bernardini al Politeama

(dal 06 Marzo 2015 al 07 Marzo 2015)

Il Concerto in re maggiore per violino e orchestra op. 61 di Beethoven e la Sinfonia n.4 di Bruckner, con Simone Bernardini direttore e violino solista, sono i brani in programma per il XV° concerto della 56^ stagione sinfonica dell'Orchestra Sinfonica Siciliana che avrà luogo al Politeama Garibaldi venerdì 6 marzo alle ore 21,15 e sabato 7 marzo alle ore 17,30. Eccezion fatta per le Romanze op. 40 e op. 50, il Concerto in re maggiore per violino e orchestra op. 61 costituisce l'unico esempio di composizione per questo strumento solista e orchestra nella produzione di Beethoven, che, tuttavia, qualche tempo prima, aveva già pensato di scriverne uno. Un frammento di un Concerto in do maggiore, scritto nel biennio 1790-92 e corrispondente ad un primo movimento, è, infatti, conservato presso la Gesellschaft der Musikfreunde di Vienna. Rispetto a questo giovanile frammento, il Concerto op. 61, eseguito per la prima volta da Franz Clement al Theater an der Wien il 23 dicembre 1806, è un lavoro, senza dubbio, molto più maturo e alcuni passi del primo e del secondo movimento si distinguono per una cantabilità e una scrittura che spazia sugli acuti, particolarmente cari a Clemente anche se il virtuosismo tipico del concerto solistico appare qui riletto alla luce di una scrittura che esalta le caratteristiche della forma sinfonica. La Sinfonia n. 4 incontrò, allo stesso modo di altri lavori sinfonici di Bruckner, parecchie difficoltà prima di essere eseguita per la prima volta. La sua prima stesura fu completata il 22 novembre 1874 ma, causa l'ostracismo nei confronti del compositore da parte di Brahms e Hanslick dovettero passare ben sei anni e due revisioni, nel 1878 e nel 1880, prima che la stessa fosse eseguita con grande successo il 20 febbraio 1881 a Vienna sotto la direzione di Hans Richter. Ingressi al Botteghino da euro 10 ad euro 25 con riduzioni per junior, senior e carte convenzionate. Info: 091 6072532 - biglietteria@orchestrasinfonicasiciliana.it Note biografiche Simone Bernardini, direttore e violino Dopo avere occupato il posto di primo violino presso l'Orchestre National de Lyon (1998-1999 stagione), presso l'Orchestra della Juilliard School (2001), alla Filarmonica di Berlino (occasionalmente durante le stagioni 2005-2006 e 2012-1013), presso l'Orchestra del Teatro alla Scala di Milano (dalla stagione 2006-2007 alla stagione 2012-2013), presso la Rundfunk Sinfonieorchester di Berlino (stagione 2012-2013) così come presso presso l'Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia (stagione 2013-2014) ed essere stato invitato per la stagione 2007-2008 dalla Bavarian Radio Symphonieorchester, Simone Bernardini collabora regolarmente sia con la Chamber Orchestra of Europe che con l'Orchestra Filarmonica di Vienna e Berlin. Dal 2007 si esibisce sia come primo violino che come solista dell'Ensemble European Soloists (I Solisti d'Europa) composto esclusivamente dai solisti della Filarmonica di Vienna, Berlino, Scala e dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino. In qualità sia di solista che musicista da camera, il M° Bernardini si è esibito nei Festival e nelle sale più importanti del mondo quali la Carnegie Hall (1999, 2007 e 2009), Lincoln Center e Bargemusic Concert a New York, la Concertgebouw di Amsterdam, la Filarmonica di Berlino, il Teatro alla Scala di Milano e all'Auditorium della RAI di Torino tra l'altro. Le sue attività sono regolarmente registrate e trasmesse dalle stazioni radio e televisive in tutto il mondo, la sua registrazione delle opere per trio e pianoforte di Liszt ha ricevuto il Diapason d'Or nel 2007; la sua prima registrazione per la Deutsche Grammophon è uscita durante la stagione 2013-2014. Dopo avere assistito Leonard Slatkin e Ivan Fischer e diretto, rispettivamente, la European Union Youth Orchestra e l'Orchestra giovanile Gustav Mahler durante le prove, ha iniziato gli studi di direzione d'orchestra al Conservatorio di Parigi per poi studiare con Bernard Haitink a Lucerne. Il suo debutto parigino come direttore d'orchestra risale al 1999 e nel 2000 al Festival Musical d'Automne de Jeunes Interprètes, Festival, dove si era esibito come solista cinque volte, due anni prima. Successivamente ha diretto al Festival di Santander, al Teatro di Monte Carlo, al Théâtre de l'Athénée de Paris, al Théâtre de Fontainebleau, all'Auditorium de Vincennes, l'Orchestre Philharmonique du Luxembourg, per tre stagioni l'Orchestre Musikene de San Sebastian, l'Orquestra de Menorca, per due stagioni l'Orchestra Sinfonica Giovanile del Piemonte e ha realizzato con questa stessa orchestra una registrazione audio/video in diretta dall'Auditorium Lingotto di Torino nel 2009. Tra il 2003 e il 2009 ha diretto ogni stagione l'Orchestra Ostinato al momento residente presso l'Opera Comique di Parigi. Nel 2006 ha diretto l'integrale dei concerti per pianoforte di Mozart al Festival Opera Barga e due opere nel 2009 e nel 2010. Nel 2008 ha diretto un Familienkonzert nella Sala della Filarmonica di Berlino, e i suoi colleghi della Filarmonica di Berlino che diretto nuovamente nel 2009. Dal 2010 è stato invitato all'Eastern Music Festival negli USA Uniti e dal 2011-2012, ogni stagione, al Festival de Música de Santa Catarina in Brasile. Nella stessa stagione, dopo una tournée in Asia dove ha diretto la Nona Sinfonia di Beethoven e la Nona Sinfonia di Mahler con le orchestre di Kyoto e Osaka, ha diretto il Concerto di Capodanno della Philharmonisches Kammerorchester Berlin. A Osaka nel 2012 ha diretto un programma comprendente la Quinta Sinfonia Schostakovitch. Ancora ad Osaka nel 2013 (programma tra cui la Prima Sinfonia di Brahms e l'Uccello di fuoco di Stravinskij), a Kyoto (con la Quarta Sinfonia di Brahms) e la prima volta con la Kansai Philharmonic Orchestra (Quinta Sinfonia di Beethoven e il Lohengrin di Wagner) e al Festival UniMúsica Bogotá (con la Carmen di Bizet, il Flauto Magico di Mozart, Britten ecc). Dal 2005 è Direttore preparatore della Junge Deutsche Philharmonie e dalla stagione 2011-2012 occupa la stessa posizione alla Deutsch-Skandinavische Jugend Philharmonie che dirige alla Filarmonica di Berlino, nel gennaio 2015. Dopo aver insegnato presso l'Eastern Music Festival (USA), presso il Festival Euroasia a Seoul, presso l'Académie Européenne de Musique d'Aix en Provence così come presso la Fondazione Scuola di Musica di Fiesole, presso il Festival de Música de Santa Catarina in Brasile e aver occupato il posto di professore à presso l'Université Musikene de San Sebastian per quattro anni, egli è attualmente Professore all'Universität der Künste di Berlino e Professore invitato alla Kyoiku University d'Osaka e all'Universités Corpas et UniMúsica di Bogotá e all'Université d'Oulu en Finlande.

foto