Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Donna non rieducabile in scena al Biondo

(dal 21 Maggio 2015 al 31 Maggio 2015)

Nell'ambito della stagione 2014/2015 del Teatro Biondo Stabile di Palermo, andrą in scena: Donna non rieducabile - dal 21 al 31 maggio 2015 - Sala Strehler Donna non rieducabile Memorandum teatrale su Anna Politkovskaja di Stefano Massini regia Silvano Piccardi con Ottavia Piccolo musiche per arpa composte ed eseguite dal vivo da Floraleda Sacchi produzione La Contemporanea Stefano Massini ha scritto Donna non rieducabile adattando in forma teatrale brani autobiografici ed articoli di Anna Politkovskaja, la giornalista russa uccisa per la sua ricerca della veritą, dalla strage al Teatro Dubrovka di Mosca, a quella nella scuola di Beslan. «La mia idea - spiega l'autore - era di trasformare drammaturgicamente questi materiali lavorando sullo scatto d'istantanea, ovvero sulla sequenza immediata, sul flash che coglie un dettaglio e dalla somma di dettagli ricava l'insieme. Non ho voluto raccontare la storia di Anna, non mi interessava. E neppure mi interessava farla raccontare ad altri personaggi. Il mio unico obiettivo era restituire dignitą teatrale a una sensazione che mi aveva colpito nel primo avvicinamento ai testi della Politkovskaja: la loro feroce immediatezza. La loro portata fotografica». Per questo Massini ha tentato di costruire un album di immagini, una carrellata di esperienze in presa diretta, una galleria di zoom su precise situazioni, atmosfere, solo talvolta stati d'animo. Ne č nato un collage di quasi 20 quadri. Ogni volta che il quadro inizia il pubblico non sa niente: viene brutalmente scaraventato dalle parole in un determinato contesto che non conosce e che sta a lui ricostruire dai particolari. Č come se per 20 volte gli occhi si riaprissero e si richiudessero su temi e luoghi diversi, sempre da intuire, una «visione in soggettiva degli abissi russo-ceceni». E Ottavia Piccolo ha dato voce allo smarrimento, all'orrore, alla dignitą e anche all'ironia di questa donna indifesa e tenace, con il rigore e l'intensa partecipazione di una attrice che in quei valori di libertą si identifica fino in fondo.