Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

'Nuove musiche' al Teatro Massimo

(22 Novembre 2015)

Nuove musiche. Si chiama così il Festival promosso dal Teatro Massimo di Palermo, in collaborazione con numerose istituzioni e realtà culturali, che prende il via il prossimo 21 novembre per concludersi il primo dicembre. Nuove musiche, in ideale collegamento con quelle Settimane Internazionali Nuova Musica che, negli anni Sessanta, resero Palermo protagonista del dibattito musicale e culturale. Ma nuove anche perché propongono al pubblico brani recentissimi - alcuni dei quali commissionati nell'occasione dal Teatro Massimo - o interpretazioni che ribaltano ogni attesa, seguendo il filo di una contemporaneità sorprendente e mai scontata. Dieci appuntamenti che tessono Oriente e Occidente, che vedono tra i protagonisti il cantore del venerabile Dalai Lama Ngawang Tashi Bapu; Vladimir Luxuria per Chansons de Bilitis di Debussy; Cabaret Contemporain che interpreta Kraftwerk con strumenti tradizionali, e che propongono musiche che raccontano tutto il Novecento, da Luigi Nono a Sofia Gubaidulina, da Steve Reich a Salvatore Sciarrino. Il Festival, giunto alla seconda edizione, è organizzato dal Teatro Massimo in collaborazione con l'Università di Palermo, il Conservatorio 'V. Bellini' di Palermo, il Conservatorio 'A. Scontrino' di Trapani, l'Ambasciata di Francia in Italia, l'Institut Français, l'Accademia di Belle Arti di Palermo, la Gaîté Lyrique di Parigi, e vede la partecipazione degli artisti dell'Orchestra, del Coro, del Corpo di ballo e del Coro di voci bianche del Teatro Massimo. Domenica 22 novembre, alle 17.30, 'Kraftwerk-L'Uomo macchina', rielaborazioni di opere dei Kraftwerk a cura di Cabaret Contemporain, gruppo parigino composto da cinque musicisti che sono anche compositori e improvvisatori. Insieme alla cantante svedese Linda Olah, il gruppo riprende le canzoni dei Kraftwerk, gruppo fondato a Düsseldorf nel 1970 da Ralf Hütter e Florian Schneider, entrambi allievi di Stockhausen, che ha avuto un'influenza fondamentale sul pop inglese, l'hip-hop e la techno. Sotto le loro dita creative basso, pianoforte, chitarra, tamburi cigolano, scricchiolano, trasformando il suono dei loro strumenti fino a evocare i suoni analogici degli anni '70 e ricreandolo in una nuova dimensione legata alla possibilità di improvvisazione collettiva. 22 Novembre 2015 ore 17.30 Sala Onu KRAFTWERK - L'UOMO MACCHINA realizzato dalla Fondazione Teatro Massimo in collaborazione con l'Ambasciata di Francia in Italia, l'Institut Français, la Gaîté Lyrique di Parigi Rielaborazioni di opere dei Kraftwerk a cura di Cabaret Contemporain Cabaret Contemporain Pianoforte Fabrizio Rat Chitarra elettrica Gianni Caserotto Contrabbassi Ronan Courty, Simon Drappier Batteria Julien Loutelier Canto Linda Olah

mappa