Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

'Nuove musiche' al Teatro Massimo

(25 Novembre 2015)

Nuove musiche. Si chiama così il Festival promosso dal Teatro Massimo di Palermo, in collaborazione con numerose istituzioni e realtà culturali, che prende il via il prossimo 21 novembre per concludersi il primo dicembre. Nuove musiche, in ideale collegamento con quelle Settimane Internazionali Nuova Musica che, negli anni Sessanta, resero Palermo protagonista del dibattito musicale e culturale. Ma nuove anche perché propongono al pubblico brani recentissimi - alcuni dei quali commissionati nell'occasione dal Teatro Massimo - o interpretazioni che ribaltano ogni attesa, seguendo il filo di una contemporaneità sorprendente e mai scontata. Dieci appuntamenti che tessono Oriente e Occidente, che vedono tra i protagonisti il cantore del venerabile Dalai Lama Ngawang Tashi Bapu; Vladimir Luxuria per Chansons de Bilitis di Debussy; Cabaret Contemporain che interpreta Kraftwerk con strumenti tradizionali, e che propongono musiche che raccontano tutto il Novecento, da Luigi Nono a Sofia Gubaidulina, da Steve Reich a Salvatore Sciarrino. Il Festival, giunto alla seconda edizione, è organizzato dal Teatro Massimo in collaborazione con l'Università di Palermo, il Conservatorio 'V. Bellini' di Palermo, il Conservatorio 'A. Scontrino' di Trapani, l'Ambasciata di Francia in Italia, l'Institut Français, l'Accademia di Belle Arti di Palermo, la Gaîté Lyrique di Parigi, e vede la partecipazione degli artisti dell'Orchestra, del Coro, del Corpo di ballo e del Coro di voci bianche del Teatro Massimo. Mercoledì 25 alle 21, nella Sala Scarlatti del Conservatorio Bellini, 'Frammenti di visioni', un progetto a cura della Fondazione Teatro Massimo e del Conservatorio, in collaborazione con 'AlterAzione. Progetto donne per la musica', un recente progetto didattico-artistico nato in seno al Conservatorio con lo scopo di focalizzare l'attenzione sul contributo creativo femminile alla musica - un contributo che ancora oggi, purtroppo, non ha sufficiente visibilità e riconoscimento - valorizzando in primo luogo il talento delle studentesse dell'Istituto. Da ciò l'idea di coinvolgere il dipartimento di Composizione del Conservatorio di Palermo, sollecitando le studentesse dei corsi più avanzati a comporre un brano liberamente ispirato ad Aus den Visionen der Hildegard von Bingen, lavoro per voce sola di contralto scritto da Gubaidulina nel 1994. 25 Novembre 2015 ore 21.00 Sala Scarlatti del Conservatorio 'V. Bellini' di Palermo SOFIA GUBAIDULINA 1 'Frammenti di visioni' Un progetto a cura della Fondazione Teatro Massimo e del Conservatorio 'V. Bellini' di Palermo Sofia Gubaidulina Aus den Visionen von Hildegard von Bingen per voce sola Valentina Grisafi Auris per pianoforte Marilena Anello Quintessenza per violino e pianoforte Giulia Tagliavia Comma per quartetto di sassofoni Valentina Casesa Perceptions per ensemble di percussioni Chiara Casà Consolazione mirabile per violino, pianoforte, 3 percussioni, 4 sassofoni Maria Mannone Branching - ramificazioni Thinking of Saint Hildegard per soprano, 2 percussioni, pianoforte, violino, sassofono Marilena Licata Madrigale per 4 sassofoni, marimba e pianoforte Roberta Mastroluca In Scontri per arpa ed elettronica Francesca Adamo File III per voce sola Sofia Gubaidulina Dancer on a Tightrope per violino e pianoforte In Erwartung per quartetto di sassofoni e percussioni Ensemble e solisti del Conservatorio di Palermo: Direttori Maria Chiara Casà, Alberto Maniaci Violino Elena Ponzoni Pianoforti Irene Maria Salerno, Oksana Svekla Arpa Roberta Casella Soprano Francesca Adamo Contralto Sonia Prina Sassofono Giuseppe Caccamisi, Gaetano Costa, Baghchighi Gehahghir, Attanasio Marchetti, Gaetano Motisi, Rosolino Ragona, Salvatore Trosso Principato Percussioni Francesco Barone, Francesco Bruno, Sergio Calì, Gabriele Demma, Giulia Lo Giudice, Alessio Magnanimi, Giulia Perriera, Gaspare Renna, Fulvia Ricevuto Regia del suono Roberta Mastroluca In collaborazione con 'AlterAzione. Progetto donne per la musica'