Comune di Palermo - Avvisi - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Avvisi - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Car sharing sbarca a Enna

(data pubblicazione 29 Marzo 2019)

Il servizio Car Sharing, l’auto condivisa, entra nel vivo della mobilità sostenibile di Enna.

Oggi, alla presenza dei sindaci di Palermo, Leoluca Orlando, e di Enna, Maurizio Dipietro, dell’amministratore unico dell’Amat, Michele Cimino, è stata firmata la convezione che attiva il servizio di Car Sharing gestito dall’Amat Palermo spa (socio unico il Comune di Palermo), l’azienda di trasporto pubblico locale di Palermo.

L’azienda palermitana si assicurata il servizio di mobilità sostenibile, dopo essersi aggiudica la manifestazione di interesse per l’attivazione del servizio pubblicata dal Comune di Enna.

Il car Sharing è già attivo in Sicilia nelle città di Palermo, Trapani, Monreale, Alcamo e Castellammare del Golfo, presso gli aeroporti di Palermo Falcone e Borsellino e Trapani Birgi.

Saranno in tutto dodici le zone parcheggio riservate al Car Sharing: sei a Enna alta (piazza Coppola, piazza Vittorio Emanuele, piazza Giovanni XXIII, via IV Novembre, via Diaz - palazzo di Giustizia e Castello di Lombardia); cinque a Enna bassa (piazza Bellini, via Unità d’Italia, Unikore - via Ingrà - Rettorato, Unikore - via delle Olimpiadi, Perugia - viale dei Miti); una postazione anche nella strada Provinciale 3, alla stazione ferroviaria.

“La qualità della città è il biglietto da visita di una città - ha detto Orlando - la mobilità che porta ad accogliere i migranti ma anche i turisti, che porta ad accogliere investitori, operatori economici. L’Amat, seguendo le indicazioni dell’amministrazione comunale, ha ritenuto fosse strategica la presenza del car sharing a Enna”.

Le auto del Car Sharin si potranno sostare gratuitamente nelle aree a pagamento, circolare liberamente anche nei giorni in cui siano previste limitazioni al traffico, avere libero accesso nelle zone a traffico limitato (Ztl) e libero transito nelle eventuali corsie riservate ai mezzi pubblici. 

2Con l’arrivo del Car Sharing - ha detto il sindaco di Enna - abbiamo fatto un altro passo nella direzione di una città più vivibile. Enna ha dei problemi logistisci, determinati dal fatto che gli spazi del centro storico sono immodificabili, e quindi anche la mobilità ne risente. Problemi che abbiamo cercato di risolvere - conclude Dipietro - attraverso il sistema delle navette, e adesso anche con il Car Sharing, rivolto particolarmente a studenti, cittadini e turisti, per spostarsi più agevolmente in  città”.

“Siamo felici di poter attuare un progetto di grande innovazione che collega Enna a Palermo - ha detto il presidente dell’Amat, Michele Cimino - Così come ha fatto l’amministrazione comunale di Enna, ci auguriamo che altri Comuni possano fare lo stesso. Enna è anche una città universitaria, e quindi mi auguro che proprio i giovani siano i primi a vivere l’esperienza delle auto condivise”.

La flotta car sharing

Alle 104 auto già in dotazione da oggi se ne sono aggiunte recentemente 55: 45 Fiat Punto (utilitaria), 5 Fiat Tipo SW (per le famiglie) e 5 Fiat Doblò (furgoni).

Con questo innesto di nuovi mezzi, il car sharing di Palermo è diventata la seconda flotta pubblica dopo Roma per consistenza operante in Italia, che comprende i segmenti city car, medie, monovolume a metano, elettriche e van. 

I parcheggi in città sono 86 (più di 300 stalli di sosta), dieci stalli presso l’aeroporto di Palermo Falcone Borsellino. Inoltre, quattro vetture Volkswagen Polo a metano sono state adattate, con comandi speciali non permanenti, per la guida dei soggetti con disabilità agli arti inferiori. Un progetto, unico in Europa, attivato grazie a un protocollo fra Comune di Palermo e Inail, che ha permesso anche l’applicazione di agevolazioni sul costo dell’abbonamento.

Il successo del car sharing sta nei numeri: tra il 2015 e il 2016 la media mensile delle corse è aumentata del 41%, passando da 1.748 a 2.470.

Anche per il numero delle prenotazioni (media mensile) si registrano aumenti considerevoli: +44%. In media crescono del 13% in un mese i chilometri percorsi e del 17% il totale delle ore di utilizzo.

Gli abbonati al servizio aumentano di anno in anno. Ad oggi sonopiù di 5.000. Entro il 2020 la dotazione totale della flotta toccherà quota 555 auto. 

Piano Tariffario

In modalità station based:
Il costo variabile è legato all’effettivo utilizzo dell’autoveicolo ed è calcolato sommando la tariffa oraria e la tariffa chilometrica, in vigore all’atto del noleggio dell’autoveicolo, come riportato sul sito istituzionale www.carsharingpalermo.it

La tariffa oraria è applicata a tutta la durata dell’effettiva richiesta di disponibilità del mezzo (indipendentemente dal reale prelievo dell’autovettura), al netto di quanto riportato all’art. 4 nell’ipotesi di annullamento/modifica della prenotazione o restituzione anticipata.

È previsto lo storno totale del costo orario della prenotazione (necessariamente previa comunicazione al Call Center) solo nell’eventualità che il veicolo, all’atto del prelievo, risulti inutilizzabile a causa ad es. di danneggiamenti importanti, mancanza di carburante, ecc.

In modalità a flusso libero: il costo variabile legato all’effettivo utilizzo dell’autoveicolo ed, in particolare:
Tariffa al "Minuto" Calcolata in base al tempo di ogni singolo Noleggio e include tutti i costi legati all'utilizzo normale del veicolo (es. carburante, assicurazione, etc.), entro un limite massimo di 50 (cinquanta) chilometri per utilizzo oltre il quale si aggiunge anche la tariffa al Chilometro di cui al punto 2.

I minuti parzialmente utilizzati vengono considerati per arrotondamento pari a sessanta secondi a partire dal trentunesimo secondo. Una volta avviato il Noleggio, il Cliente inizia automaticamente a pagare la tariffa al "Minuto".


Tariffa al "Chilometro" Applicata per ogni chilometro percorso dopo avere superato il numero di chilometri gratuiti inclusi con ciascun Noleggio. Superato il numero di chilometri inclusi gratuiti, la tariffa al "Chilometro" viene sommata alla tariffa al “Minuto" e varia a seconda dell’auto che si vuole utilizzare per il servizio.

Per entrambe le modalità di utilizzo, le tariffe includono i costi di manutenzione ordinaria e straordinaria, pulizia ordinaria, assicurazione, imposte, carburante, uso gratuito dei parcheggi a pagamento (stalli blu) nelle città ove è presente il servizio Car sharing Palermo, autorizzazione a circolare nelle corsie preferenziali riservate ai taxi ed ai mezzi pubblici, nonché nella Zona a Traffico Limitato dei comuni ove è prevista specifica autorizzazione.

L’elenco dei comuni e delle relative possibilità è pubblicato sul sito www.carsharingpalermo.it.

Sono a carico del Cliente i costi derivanti da danni originati ed imputabili al Cliente stesso. Inoltre sono a carico del Cliente eventuali sanzioni amministrative irrogate ai sensi del codice della strada ed i pedaggi autostradali.

Free Floating (flusso libero)

E’ un tassello della nuova strategia del car sharing in area urbana.

A partire dal prossimo ottobre la gestione del servizio in area comunale, oggi caratterizzata dal cosiddetto modello station based (prelievo e rilascio delle auto nei parcheggi, utilizzando la classica prenotazione tramite call center, app o web) sarà affiancato da un sistema a flusso libero che permetterà prelevare e rilasciare l’auto in un qualsiasi posto di un’area urbana di quasi cinque chilometri quadrati.

La ricerca dell’auto libera avverrà attraverso un’applicazione per smartphone e pc, grazie alla geolocalizzazione. Una volta individuata l’auto più vicina, questa potrà essere noleggiata e rilasciata all’interno di una qualsiasi strada dell’area d’ambito compresa in un perimetro.

Customer satisfaction

Dall’indagine condotta dall’Amat, per individuare il profilo dell’utente car sharing (campione: 700 interviste, il 15,5% degli abbonati) è emerso che per quasi l’80% il cliente tipico è uomo in un’età compresa tra i 30 e i 49 anni (42,2%).

Nel 40% dei casi, l’auto condivisa è utilizzata per l’accesso libero nella Ztl, la sosta gratuita o riservata, mentre il 37,5% del campione usa il car sharing perché non ha l’automobile. La frequenza con cui viene utilizzato il car sharing risulta essere tutti i giorni o quasi (39,2%) e soltanto il 9% usa l’auto condivisa una volta al mese. L’orario ottimale è dalle 7 alle 15 (41,2%). 

foto