Comune di Palermo - Pubblicazioni Statistiche - Repertorio statistico

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Pubblicazioni Statistiche - Repertorio statistico
PUBBLICAZIONI STATISTICHE
Copertina Capitolo 2
Doumenti Documenti da scaricare
Capitolo 2 - Ambiente e Territorio

Il Comune di Palermo, con un’estensione territoriale di 160,59 Km2, confina, spostandosi in senso orario da Est verso Ovest, con i Comuni di Ficarazzi, Villabate, Misilmeri, Belmonte Mezzagno, Altofonte, Monreale, Torretta e Isola delle Femmine.

2.1

Grafico 2.1: I confini di Palermo

 

Le Circoscrizioni

Il Consiglio Comunale, con delibera n° 420 del 21 dicembre 1976, aveva ripartito il territorio comunale in 55 unità di primo livello, corrispondenti a zone socio-urbanistiche ben distinte del tessuto urbano. Nella stessa occasione, le 55 unità di primo livello erano state raggruppate in 25 quartieri, e tale ripartizione è rimasta in vigore fino alla metà degli anni ’90, quando, con le delibere n° 300 del 6 dicembre 1995 e  n° 140 del 9 luglio 1997, il Consiglio Comunale ha adottato una nuova ripartizione del territorio in otto Circoscrizioni.

In generale, con l’eccezione del quartiere Oreto Stazione, che è stato ripartito fra due circoscrizioni, le otto circoscrizioni, ottenute con una diversa aggregazione delle originarie 55 unità di primo livello, risultano dall’unione di due o più dei 25 quartieri.

In particolare, come si può evincere anche dalla cartografia, la I circoscrizione, che si identifica con il centro storico di Palermo, assorbe i quartieri Tribunali-Castellamare, Palazzo Reale-Monte di Pietà.

A Sud della città troviamo la II circoscrizione, che assorbe i quartieri Brancaccio-Ciaculli, Settecannoli e parte di Oreto Stazione (Corso dei Mille/S.Erasmo), e la III Circoscrizione, che comprende i quartieri Villagrazia Falsomiele e la parte rimanente di Oreto Stazione (Oreto/Perez e Oreto/Guadagna).

A Ovest la IV circoscrizione, che comprende i quartieri Cuba-Calatafimi, S. Rosalia-Montegrappa, Altarello, Mezzomonreale-Villa Tasca e Boccadifalco; e la V, che comprende i quartieri Zisa, Uditore-Passo di Rigano, Borgo Nuovo, Noce.

La zona Nord è suddivisa fra la VI circoscrizione che assorbe i quartieri S.Giovanni Apostolo e Resuttana-San Lorenzo, la VII con i quartieri Arenella-Vergine Maria, Pallavicino, Tommaso Natale-Sferracavallo e Partanna-Mondello e infine, la VIII che assorbe i quartieri Politeama, Libertà, Montepellegrino e Malaspina-Palagonia.

2.2

Grafico 2.2: Le otto Circoscrizioni

 

Le prime elezioni dei Consigli Circoscrizionali si sono svolte il 29 Novembre 1997, dando il via al decentramento amministrativo nelle nuove otto “Municipalità”.

 

La qualità dell’aria

A Palermo, a partire dal 1° agosto 1996, è in funzione una rete di monitoraggio dell'inquinamento atmosferico, costituita inizialmente da 7 stazioni di monitoraggio, in funzione 24 ore su 24 e 365 giorni all'anno, ubicate a Boccadifalco, Piazza Giulio Cesare (Stazione Centrale), Piazza Castelnuovo, Piazza Unità d'Italia, Piazza Torrelunga, Via Belgio, Piazza Indipendenza, cui si sono aggiunte successivamente le centraline ubicate in via Regione Siciliana all’altezza di via Di Blasi e in via Filippo Paladini (San Giovanni Apostolo).

Il quadro normativo che disciplina il controllo della qualità dell’aria è stato più volte modificato per recepire le direttive europee in materia di valutazione e gestione della qualità dell’aria.

In particolare, con il Decreto Ministeriale del 2 aprile 2002, n° 60, sono stati definiti i nuovi valori limite e le soglie di allarme, nochè il margine di tolleranza e le modalità secondo le quali tale margine deve essere ridotto nel tempo.

Il nuovo quadro normativo introduce un nuovo approccio nella gestione della qualità dell’aria, che richiede la definizione di strategie efficaci e la definizione di strategie a medio e lungo termine che garantiscano una reale e progressiva riduzione nell’emissione di sostanze inquinanti.

Il livello di ozono nell’aria è infine regolamentato dal D.L.vo del 21 maggio 2004, n° 183, che definisce i valori bersaglio e gli obiettivi a lungo termine per i livelli di ozono nell’aria, e pone particolare attenzione alla protezione degli ecosistemi, con l’introduzione del limite di protezione della vegetazione.

 

Meteorologia

Dal punto di vista climatico, nell’anno meteorologico che va da dicembre 2014 a novembre 2015, il mese più freddo è risultato febbraio, con una temperatura minima media di 8,6 °C, mentre il mese più caldo è risultato luglio con 31,8 °C di temperatura massima media (cfr. graf. 2.3).

2.3

Grafico 2.3: Temperatura minima, media e massima nell’anno meteorologico dic. 2014 – nov. 2015

 

Il giorno più freddo è stato il 31 dicembre 2014, quando il termometro è sceso fino a +1 °C, mentre il giorno più caldo è stato il 31 luglio 2015, quando si è raggiunto il picco di 38 °C.

I giorni di pioggia sono stati 118, per complessivi 863,4 mm di pioggia. Il mese più piovoso è stato febbraio, con 19 giorni di pioggia, anche se le piogge più intense si sono registrate a gennaio, con 150,8 mm di pioggia. I mesi meno piovosi sono stati giugno e luglio, con un solo giorno di pioggia.

2.4

Grafico 2.4: Numero di giorni piovosi per mese nell’anno meteorologico dic. 2014– nov. 2015