Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Dusmet Giuseppe Benedetto
(Cardinale)

Nato il 15 agosto 1818 e morto a Catania il 4 aprile 1894.

Compì i suoi studi nel monastero di S. Martino delle Scale ed entrò nell'Ordine benedettino, mutando il proprio nome di battesimo Melchiorre in Benedetto.

Nel 1858 fu nominato abate del convento di S. Nicola l'Arena a Catania.

Di costumi austeri e di carattere mansueto, non mutò il proprio comportamento anche dopo essere stato eletto arcivescovo di Catania nel 1867.

Numerosi gli episodi che testimoniano la sua umiltà quando fu nominato vescovo, il suo segretario gli fece notare che non era decoroso continuare ad usare una carrozzella da nolo per i suoi spostamenti ed egli rispose: "Cambierò veicolo, invece della carrozzella per cui ho speso 30 centesimi, mi servirò dell'omnibus che costa solo I0 e risparmierò 20 centesimi per i poveri".

Si prodigò per il popolo durante il colera del 1867, la carestia del 1880 e l'eruzione dell'Etna del 1886.

In quest'ultima occasione, a capo di una processione recante il velo di S. Agata, rinnovò  il prodigio del beato Pietro Geremia: la lava si fermò nel punto in cui egli aveva fissato il velo sul terreno.

Fu nominato cardinale nel 1888.

A Catania lasciò numerose opere: l'Istituto dei salesiani, l'asilo di S. Agata, il Seminario, l'Opera degli infermi poveri a domicilio e numerose nuove chiese.

E' passato alla storia per le sue grandi doti di umiltà di carità di bontà di filantropia.

E' sepolto nella Cattedrale di Catania in una tomba opera dell'architetto Filadelfo Fichera del 1904.

E' stato beatificato da Giovanni Paolo II il 25 settembre 1988.