Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Massolo Arturo
(Filosofo e storico della filosofia)

Nato a Palermo il 19 agosto 1909 e morto a Pisa il 30 marzo 1966.

Conseguita la laurea in filosofia, insegnò nei licei di Catanzaro, di Perugia e di Livorno.

Dopo l'otto settembre 1943, prese parte all'attività clandestina della Resistenza.

Nel 1946 ebbe l'incarico presso l'università di Urbino, dove divenne ordinario di filosofia nel 1956 e nel 1960 ottenne la cattedra di storia della filosofia nell'Università di Pisa, prendendo il posto del suo maestro Vito Fazio Almayer, morto due anni prima.

Lasciò una produzione scientifica vastissima, di cui si ricorda: "Il problema dell'individuo nella filosofia di Antonio Rosmini" del 1934, "Storicità della metafisica" del 1944, "Introduzione all'analitica kantiana" del 1946, "Ricerche sulla logica hegeliana ed altri saggi" del 1950, "La storia della filosofia come problema ed altri saggi" del 1955, "Prime ricerche di Hegel" del 1959, "La storia della filosofia e il suo significato" del 1961, "Logica hegeliana e filosofia contemporanea" postuma, 1967.

Fondò e diresse la collana "Socrates", pubblicata da Vallecchi, con la quale licenziò tre volumi: "Filosofia e politica" di S. Weil, "Vita di Hegel" di Rosenkranz e "Dialettica e speranza" di E. Bloch.

Da giovane scrisse anche delle poesie: "Mattutino", con prefazione di V. Mercadante, 1927 e "Il libro dell'adolescenza", con introduzione di Federico De Maria, 1929.

Si dedicò per hobby alla pittura e fu grande amico di Renato Guttuso, che di lui ha lasciato un espressivo ritratto.