Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Garofano Giuseppe
(Calcografo)

Morto a Napoli nel 1787.

Appartenne alla Congregazione dell'Oratorio, si sa che iniziò la sua attività come pittore nella bottega di Vito D'Anna, ma che continuò come incisore.

La prima tavola firmata e datata che conosciamo è l'antiporta del libro di Arcangiolo Leanti "Lo stato presente della Sicilia", pubblicato a Palermo nel 1761 dal tipografo Francesco Valenza.

Lavorò all'illustrazione di libri con i tipografi Pietro Bentivenga nel 1762 e Stefano Amato nel 1764.

Nel 1766 è a Roma, dove probabilmente si era trasferito per perfezionarsi nella calcografia: lo si rileva dalla firma apposta ad una immagine della Madonna con Bambino ed angeli (Joseph Garofalus Congr. Orat. Pan: Sculp: Romae 1766).

Trattenutosi oltre il tempo consentitogli dalla Congregazione, ne venne espulso (probabilmente non erano estranei altri motivi).

Si sposò due volte ed una delle mogli era figlia del matematico palermitano Nicolò Cento.

La sua attività a Palermo, per altro mai interrottasi nel periodo romano, riprese nel 1768 nella tipografia regia con Gaetano Maria Bentivenga e nel 1776 con il Rapetti.

E' dell'anno successivo la bella pianta di Palermo, voluta dal Villabianca, su rilievo del regio ingegnere Nicolò Anito.

Nel 1778 lavora a Palermo con Antonino Valenza; l'ultima incisione che conosciamo firmata e datata è del 1786 e raffigura la Vergine, ricavata da un dipinto di Fedele da S. Biagio.

Tra le cose più interessanti della sua produzione segnaliamo una veduta di Porta Felice, in foglio grande, inserita nei "Diari" del Villabianca e la pianta della Sicilia riprodotta su quella del barone Samuele Schmettau.