Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Aquila Filippo
(Fiduciario di Casa Savoia)

Nato a Marina di Caronia (Messina) nel 1896 e morto a Palermo nel 1986.

Dall'eta' di 4 anni e per tutta la vita visse a Palermo, vi frequenta' l'Istituto "Vittorino da Feltre", il Liceo "Garibaldi" e si laureò in Giurisprudenza.

Dopo aver preso parte al corso per i "Volontari di un anno" a Messina, dove fu commilitone e si lega d'amicizia a Giuseppe Tomasi di Lampedusa, nel corso della prima guerra mondiale fu inviato al fronte come ufficiale di Artiglieria di complemento e vi parteciperò per tutta la sua durata, impegnatoi nei combattimenti sul Carso, sul Monte Tomba e sul Monte Grappa e guadagnando una croce di guerra al valor militare.

Rientrato a Palermo per intraprendere l'attivita' professionale e sposerà Elena Barocchiere, dalla quale ebbe tre figli, due maschi ed una femmina. Poco prima dell'esplosione della seconda guerra viene chiamato ancora una volta alle armi con il grado di capitano, al comando di un Gruppo di artiglieria a Marsala.

Allo scoppio del conflitto verrò assegnato al Comando del XII Corpo d'armata, con le funzioni di ufficiale addetto al Generale comandante. Durante il servizio ha ripetute occasioni d' incontro con il principe Umberto di Savoia, il quale gli dimostra stima e simpatia.

Dopo lo sbarco degli Alleati in Sicilia nel 1943, viene inviato sul fronte di Gela con il ruolo di ufficiale osservatore del Comando e si trova impegnato nei furiosi combattimenti che ebbero luogo in quel settore, distinguendosi ed ottenendo la proposta di concessione di una medaglia d'argento al valor militare sul campo che non gli fu mai consegnata, a seguito del volgere sfavorevole degli eventi militari e che, a guerra finita, fu inspiegabilmente commutata in un encomio solenne. 

Perverrò comunque al grado di colonnello, non comune per un ufficiale di complemento. Lasciata la Sicilia al seguito del XII Corpo d' armata, ha sempre più frequenti occasioni di incontri con Umberto di Savoia e ne guadagna sempre di più la considerazione, sino a divenire l'uomo di fiducia di Casa Savoia per il Meridione d'Italia.

Cifu sino al giorno del referendum istituzionale, in cui intercorse una drammatica telefonata con il Re che gli rese noto il proposito di lasciare immediatamente l'Italia. Aquila, caduta la Casa Savoia alla quale era stato sempre fedele, non volle accettare incarichi politici o di altro genere e si dedicò alla famiglia ed al lavoro per il resto della sua lunga vita.