Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Mortillaro Vincenzo
(Letterato e storico)

Nato a Palermo nel 1806 e morto nel 1888.

Giovanissimo si appassiona all'astronomia divenendo l'allievo prediletto di Nicolò Cacciatore.

Nel 1829 pubblica, presso la Stamperia degli eredi Graffeo, la prima edizione della "Guida di Palermo e suoi dintorni", che ebbe numerose edizioni, l'ultima tradotta in francese dal figlio Carlo.

Nel 1836 riceve l'incarico di studiare il Tabulario della Cattedrale di Palermo. Nel 1837 viene eletto senatore municipale di Palermo e membro della R. Commissione superiore per la pubblica istruzione e più volte deputato della Biblioteca comunale di Palermo.

Socio di varie Accademie, fu docente di lingua e letteratura, nonchè di algebra e di lingua araba nell'Università di Palermo.

Descrisse anche i codici greci della Cattedrale e della chiesa della Magione.

Fu un uomo di vastissima cultura, amico di Guerrazzi, di Cantà e del cardinale Angelo Mai.

Durante la rivoluzione del 1848 fu nominato Pari del Parlamento siciliano e maggiore della Guardia nazionale.

Politicamente aderì al partito moderato cattolico.

Nel 1850 sistemò l'amministrazione delle acque del Comune e completò il catasto fondiario di Sicilia.

Si interessò anche di archeologia; collaborò a diversi periodici e diresse "Il Vapore" assieme ai fratelli Linares, le "Effemeridi scientifiche e letterarie per la Sicilia" nel 1832, il "Giornale di scienze lettere ed arti" fondato da Giuseppe Bertini nel 1832.

Dopo il 1860 diresse con scarso successo i giornali politici il "Presente" e "L'Inaspettato".