Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Maggiore Mucoli Giuseppe
(Giurista, filosofo del diritto e scrittore)

Nato il 27 luglio 1882 e morto il 23 marzo 1954.

Figlio di Filippo Maggiore e di Giuseppina Mucoli.

Fu allievo di Benedetto Croce e di Giovanni Gentile, del cui pensiero fu costante assertore.

Tenne la cattedra di filosofia del diritto nell'Università di Perugia e poi in quella di Siena, insegnò filosofia del diritto prima e poi diritto penale nell'Ateneo palermitano, di cui fu anche rettore dal 1938 al 1939.

Figura assai discussa per le sue teorie sulla difesa della razza e per le sue posizioni antisemite, scrisse opere giuridiche e filosofiche e opere di narrativa.

Tra le prime si ricordano: "Saggi di filosofia giuridica" (1914); "II diritto e il suo processo ideale" (1916); "Filosofia del diritto" (1921); "Un regime e un'epoca" (1929); "L'ordinamento sindacale" (1930); "Delimitazioni e sconfinamenti tra il diritto penale e gli altri rami del diritto" (1935); "Imperialismo e impero fascista" (1937); "Razza e fascismo" (1939); "Diritto penale".

Tra i romanzi: "La vita apparente di un uomo vero" (1926); "Gli occhi cangianti" (1928); "Shiva maestro di danza" (1930); "Due in una carne" (1937); "Nazione e popolo: mito e realtà" (1942); "Sette e mezzo" (1952).