Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Righi Augusto
Righi Augusto
(Ingegnere)

Nato a Bologna nel 1850 e ivi morto nel 1921.

Alle scuole superiori ebbe come maestro Antonio Pacinotti, famoso per l'invenzione della dinamo elettrica. Conseguì a Bologna il diploma di ingegneria civile divenendo nel 1872 assistente di Fisica presso Emilio Villari; successivamente ottenne la laurea con una tesi sull'elettrometro a induzione. Nel 1873 fu professore all'Istituto tecnico di Bologna, nel 1880 diviene prima straordinario, poi ordinario all'Università di Palermo.

Fu uno dei 27 fondatori del Circolo Matematico voluto da Giovan Battista Guccia e membro dei principali Istituti scientifici italiani e stranieri del tempo. Ottenne la laurea honoris causa dall'Accademia delle Scienze di Francia, della Società reale di Londra e dalle Università di Uppsala, di Gottinga e di Erlangen.

Vantò ingegno possente e versatile, anticipò geniali idee nei vari settori della Fisica e fu precursore della scoperta della xeroradiografia e della camera di ionizzazione. Tra le sue ricerche si ricordano quelle intraprese sul comportamento degli isolanti posti nei campi elettrici, la teoria dei condensatori, dell'elettroforo e delle macchine a induzione.

Si occupò inoltre, di onde elettriche che lo portarono alla scoperta dei raggi magnetici e delle rotazioni ionomagnetiche, dell'oscillazione a tre scintille che fu poi lo strumento essenziale del primo dispositivo di telegrafia senza filo ideato da Marconi.

Fu citato da ben quattro Premi Nobel, fra questi anche Albert Einstein che gli riconobbe il merito di avere contribuito alla conoscenza dell'effetto fotoelettrico. Tra le sue opere: "L'ottica delle oscillazioni elettriche" del 1897, "La moderna teoria dei fenomeni fisici - radioattività ioni, elettroni" del 1907.