Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Saladino Giuliana
(Scrittrice e giornalista)

Nata nel 1925 e morta il 15 marzo 1999.

Di famiglia nobile, riceve una educazione tradizionale alla quale ben presto si ribella diventando, poco meno che ventenne, attivissima militante comunista nel movimento contadino, nel movimento per la pace e alla testa delle lotte per l'emancipazione femminile.

Dopo i fatti d'Ungheria del 1956, si allontana dal Partito Comunista pur continuando a lavorare nell'ambito della sinistra.

Nel 1946 è segretaria nella redazione di "Chiarezza", un anno dopo incontra Marcello Cimino, che diventerà suo marito per 42 anni.

Nei primi anni sessanta entra al giornale "L'Ora", prima come segretaria di redazione, poi come giornalista, attività nella quale si distingue per grinta, originalità e anticonformismo, doti che si ritrovano poi nei libri che ha scritto tra gli anni '70 e '80: "De Mauro. Una cronaca palermitana" Feltrinelli 1972; con altri autori "Essere donna in Sicilia" Editori Riuniti 1976; "Terra di rapina" Einaudi 1977; "Romanzo civile" Sellerio 2000.

Ha inoltre collaborato regolarmente alla rivista "Segno". All'indomani delle stragi di mafia del 1992, dopo anni di lontananza dalla politica attiva, torna ad impegnarsi ed è tra i primissimi promotori del comitato dei lenzuoli, iniziativa che fa il giro del mondo per la sua inconsueta e drammatica forma di protesta.

Nel 1994 viene chiamata da Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, a ricoprire la carica di assessore alla Cultura. Pochi mesi dopo lascerà l'incarico per contrasti e difficoltà interne ed esterne ed abbandona per sempre qualsiasi forma di partecipazione alle vicende pubbliche.