Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Guccia Giovan Battista
Guccia Giovan Battista
(Matematico)

Nato il 21 ottobre 1855 e morto il 29 ottobre 1914.

Appartenente ad una famiglia da poco ammessa nel mondo aristocratico (il nonno Giovan Battista era stato il fondatore delle fortune della famiglia, ottenendo, nel 1812, il titolo di marchese di Ganzaria), iniziò gli studi universitari nel 1874, quando a Palermo non esisteva praticamente niente sul piano degli studi matematici.

Dopo la morte di Girolamo Settimo nel 1762 e di Nicolò Cento nel 1780, veri matematici del  XVIII secolo nonchè dell'abate Giuseppe Piazzi nel 1826 (lo scienziato direttore dell'Osservatorio astronomico di Palermo che aveva scoperto Cerere, il primo degli asteroidi), lo studio della matematica si era mantenuto in un piano appena dignitoso grazie ai professori Diego Muzio (1772 - 1837) e Gaetano Bata' (1783 - 1842), alla morte dei quali era iniziato il periodo di profonda decadenza.

Fu grazie a G.Battista Guccia che gli studi matematici a Palermo rifiorirono e si posero di nuovo al centro dell'attenzione del mondo scientifico mondiale.

Nel 1884 fondò il Circolo Matematico, che nel giro di pochi anni diventò famoso nel mondo e che egli ospitò nel suo palazzo di via Ruggero Settimo (oggi non più esistente).

Nel 1894 vinse la Cattedra di geometria superiore all'Universita' di Palermo. Socio delle più illustri Accademie italiane e straniere, pubblicò un gran numero di lavori scientifici.

Ancor oggi viene pubblicata la rivista del Circolo, i prestigiosi "Rendiconti del Circolo Matematico".