Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Vitale Giano
(Poeta e umanista)

Nato intorno al 1485 e morto a Roma nel 1560.

Studiò con passione le lettere latine e giovanissimo abbracciò la vita ecclesiastica.

Nel 1510 si recò a Roma, accolto nell'Accademia letteraria di Giano Coricio, dove si impose all'attenzione di tutti con il bel panegirico in onore di Imperia, una donna bellissima morta a soli 26 anni, ammirata e corteggiata da tutti gli amici.

Seguendo il gusto del tempo, mutò il proprio nome di battesimo Giovanni in Giano.

Compose epigrammi, panegirici, meditazioni, orazioni e i celebri Inni alla Trinita' dedicati a Leone X, formati da tre libri, ciascuno di 333 esametri.

ll Papa volle premiarlo conferendogli la cittadinanza romana e creandolo contemporaneamente abate e conte palatino.

Alla morte del Pontefice, ne scrisse l'epitaffio sulla tomba.

Con il sacco di Roma, nel 1527, l'Accademia decadde ed a stento egli riuscì a salvare la vita.

Tra la altre sue opere, ricordiamo: 'Elogia Romanorum Pontificum Maximorum', dedicati a Giulio III (1550); il poema 'Bellum Africa', nel quale elogia il vicerè Giovanni de Vega, vincitore del temuto corsaro Dragut; un'altra raccolta di elogi al papa Giulio III, alla Chiesa romana ed ai cardinali del Sacro Collegio.

Nel 1816, le sue opere vennero raccolte in un unico volume e pubblicate col titolo 'lani Vitalis panormitani opera'