Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

POLIZIA MUNICIPALE.SEQUESTRATI 216 CHILI DI PANE

(data pubblicazione 16 Gennaio 2013)

La Polizia Municipale ha compiuto dei controlli nel quartiere Cruillas nei confronti dell'attività di preparazione e vendita del pane, con riguardo alla sicurezza igienico sanitaria dei prodotti offerti al consumatore, a difesa della salute pubblica. Sono stati sequestrati 216 chili di pane, un veicolo utilizzato per l'attività di vendita e multato un panificio per mancanza di autorizzazione sanitaria per la preparazione, produzione e vendita di pane e prodotti da forno. Gli interventi compiuti dal Naf - Nucleo antifrodi - sono stati realizzati in Viale Michelangelo dove, all'altezza del civico 275, sono stati sequestrati 94 chili di pane esposto agli agenti atmosferici e posto in vendita senza che il venditore esibiva alcuna autorizzazione prevista per il commercio. Sanzione di 309 euro. Un panificio di Via Vanvitelli, aperto al pubblico, vendeva pane senza avere la autorizzazione amministrativa e svolgeva l'attività di preparazione e manipolazione dei prodotti da forno senza autorizzazione sanitaria. Alla titolare del panificio è stata comminata la sanzione di 8.000 euro. 122 chili di pane ed il veicolo, Renault Cangoo utilizzato per la vendita, sono stati sequestrati in Via Vanvitelli perché pagnotte e mafalde giacevano in evidente stato di cattiva conservazione all'interno del veicolo. Oltre al sequestro del mezzo, sanzione di 841 euro per il venditore, per illecito amministrativo. Il pane sequestrato, giudicato non idoneo al consumo alimentare, è stato distrutto per sottrarlo alla vendita e preservare la salute pubblica. 'I controlli proseguiranno indistintamente in tutti i quartieri della città - dice il Comandante Vincenzo Messina - per evitare che prodotti alimentari non commestibili, privi dei requisiti di igienicità e senza tracciabilità, finiscano sulle tavole dei palermitani'.