Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

BENI CONFISCATI CONCESSI ALLA PARROCCHIA DI P. PUGLISI

(data pubblicazione 09 Maggio 2013)

Stamattina presso la sede di Palermo dell'Agenzia per i beni confiscati sono stati sottoscritti dal sindaco Leoluca Orlando due documenti grazie ai quali un terreno confiscato in via Fichi d'India nel quartiere di Brancaccio, sequestrato nel 1995 all'Impresa Ienna srl, è stato prima affidato dalla stessa Agenzia al Comune di Palermo e successivamente concesso dal Comune in comodato d'uso gratuito per 99 anni alla Parrocchia di San Gaetano. Con questo atto prende l'avvio il percorso per la realizzazione del nuovo complesso parrocchiale che Padre Pino Puglisi desiderava realizzare a Brancaccio, proprio su quel terreno. Il Prefetto Giuseppe Caruso - direttore dell'Agenzia - ha sottolineato come questo provvedimento 'sia stato il frutto di una lunga e laboriosa procedura burocratica che ha visto la collaborazione di tutte le istituzioni e delle autorità coinvolte in particolare dell'Amministrazione comunale e degli amministratori del patrimonio aziendale confiscato' Il Parroco della chiesa San Gaetano, Padre Maurizio, ha ringraziato a nome di tutto il quartiere sottolineando 'che quello che si andrà a realizzare non sarà solo un luogo di culto ma anche un luogo di socializzazione ed aggregazione per tutto il quartiere, soprattutto per i giovani'. Il cardinale Romeo ripercorrendo il percorso per la beatificazione di Padre Puglisi ha affermato che 'la figura del parroco è assurta ad una dimensione mondiale, citata come esempio di fede e di impegno sociale.' Romeo ha inoltre affermato che proprio su quel terreno si svolgerà una veglia di preghiera il prossimo 26 maggio dopo la beatificazione del Parroco ucciso dalla mafia nel settembre del 1993. Il sindaco Leoluca Orlando, ringraziando il Prefetto, le autorità ecclesiali e i dipendenti comunali che si sono impegnati per questo risultato, ha detto che questo 'è un risultato non di Brancaccio e per Brancaccio, ma è un risultato di tutta la città e per tutta la città, perché Padre Puglisi ha rappresentato e rappresenta la migliore espressione di Palermo e della Sicilia. Oggi - ha concluso il primo cittadino - parte un importante processo perché la comunità parrocchiale di Brancaccio e tutta la città abbiano un i importante e nuovo luogo di incontro'.

allegato