Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Rap - Atto intimidatorio verso un dirigente.Orlando: Avanti con l'impegno per contrastare l'illegalità'

(data pubblicazione 03 Febbraio 2016)

Ieri mattina, all'interno dell'autoparco di Brancaccio è stata danneggiata la macchina privata della dott.ssa Lara Calì, dal primo febbraio, responsabile dell'Area Autorimessa e Gestione manutenzione autoparchi, mezzi, immobili di Rap. A darne comunicazione il presidente della Rap Sergio Marino, che sul grave atto intimidatorio dichiara: 'Nell'ambito del nuovo riassetto aziendale, la dott.ssa Cali, ha avuto mandato di riorganizzare l'autoparco di Brancaccio e di preparare tutti gli atti al fine di monitorarne le attività anche attraverso impianti di video-sorveglianza. Immediata è stata la risposta di coloro cui non può piacere tale percorso e che hanno con atto vile e violento voluto mandare un preciso messaggio. Oggi stesso mi recherò assieme al dirigente - continua il presidente - a sporgere denuncia contro ignoti al Commissariato di Brancaccio. È ovvio che questi gesti sconsiderati non ci intimidiscono ma ci convincono sempre più a rafforzare il nostro impegno affinché la nostra azienda possa diventare vessillo di legalità, trasparenza ed efficienza. L'impegno del CdA è quello di prevenire quanto prima - conclude Marino- alla regolamentazione delle attività nell'autoparco di Brancaccio, oggi teatro di caos che fa comodo a coloro che vogliono approfittare per agire contro legge'. Sull'atto deplorevole interviene anche il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando che esprime 'grande solidarietà alla dottoressa Calì e forte condivisione per l'impegno suo e del CdA per il ripristino della legalità in ogni ramo dell'azienda. L'Amministrazione Comunale e il CdA della Rap sono attivamente impegnati a supporto degli organi inquirenti, per pervenire alla individuazione dei responsabili nei cui confronti saranno chieste alla Magistratura e saranno esperite con la massima severità tutte le azioni sanzionatorie previste'.

foto foto