Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

Il violino di Elena Graf

(dal 19 Maggio 2017 al 20 Maggio 2017)

Quinto appuntamento della Schubertiade. Venerdì 19  maggio 2017 alle ore 20,30 e sabato 20 maggio alle ore 17,30 al Politeama Garibaldi, l'Orchestra Sinfonica Siciliana è diretta da Simone Bernardini, violino solista Elena Graf.

In programma Rosamunde, scena n.2 e entr'acte, Konzerstuck in re maggiore D 345, Polonaise in si bemolle maggiore D 580, Sinfonia in do maggiore D 944 di Franz Schubert (1797-1828).

Elena Graf, giovane violinista tedesca di Francoforte sul Meno, ha studiato all'Accademia di Musica di Friburgo con Jorg Hofmann e Latica Honda-Rosenberge all'Università di Musica e Spettacolo di Francoforte. Si è rivelata al pubblico nel 2012 vincendo il concorso Lipizer. Suona un violino realizzato da Giambattista Rogeri nei primi del '700.

Rosamunde

- Si tratta dell'ultimo contributo che il compositore viennese  dà al teatro. Le musiche di scena per Rosamunde presero vita nell'autunno del 1823, commissionate dal conte Palffy, proprietario del teatro An der Wien per il dramma di Helmina von Chezy che alla prima rappresentazione, il 20 dicembre del 1823 non ebbe successo. Protagonista è Rosamunde, di nobili origini, che viene affidata dal padre ad un povero pescatore. Rosamunde cresce tra i pescatori, ma alla fine sposerà il suo amato Alfonso e viene reintegrata  nella sua condizione di regina. (durata: 10')

Konzerstuck in re maggiore D 345

- (Pezzo da concerto). Schubert trascurò questo genere musicale nel quale non poteva sfogare la sua vena lirica. Si contano solo tre lavori di questo genere, tutti per violino e orchestra. Il Konzerstuck in re maggiore D 345 fu composto per il fratello Ferdinand, compositore dilettante e discreto violinista.(Durata: 10').

Polonaise

- Anch'essa fu composta nel 1817 per il fratello Ferdinand. Si tratta dell'ultimo lavoro per violino e orchestra d'archi di Schubert. (Durata: 3').

Sinfonia n.9 in do maggiore D 944 "La grande"

-  Un alone di mistero avvolge la genesi e la composizione di questo pregevole gioiello sinfonico. Fu Robert Schumann a riportarlo alla luce, dall'oscurità di un baule. Composta nel 1825, come si ricava da un epistolario dello stesso compositore, fu il biografo Alfred Einstein, fratello del celebre fisico, a rammaricarsi del fatto che Schubert  non la inviò mai all'editore Schott. Schubert la completò un anno più tardi, come si evince dalla dedica con cui la inviò alla Società Filarmonica di Vienna che la rifiutò, giudicandola "troppo lunga e difficile". Fu eseguita per la prima volta al Gewandhaus di Lipsia il 21 marzo 1839, sotto la direzione di Mendelssohn. (Durata: 55').

Biglietti 10-25 euro al Botteghino del Politeama Garibaldi e un'ora e mezza prima dello spettacolo.

Maggiori informazioni sul sito dell'Orchestra Sinfonica Siciliana

mappa
foto foto foto