Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Joachim Jousse dirige Lalo, Grieg e Stravinskij al Politeama

(dal 11 Febbraio 2015 al 14 Febbraio 2015)

- Lalo, Grieg e Stravinskij sono i compositori scelti per il prossimo concerto dell'Orchestra Sinfonica Sicilianache si svolgerà al Politeama Garibaldi venerdì 13 febbraio alle ore 21,15 (turno serale) e sabato 14 febbraio alle ore 17,30 (turno pomeridiano). Il concerto sarà diretto da Joachim Jousse e vedrà la partecipazione del pianista Juan Lago che eseguirà il concerto di Grieg. L'ouverture tratta da Le roi d'Ys di Lalo è uno dei brani più celebri dell'opera che venne rappresentata con grande successo il 7 maggio 1888 all'Opéra-Comique ma poi sparì completamente nel secolo scorso dai cartelloni dei teatri. L'ouverture rappresenta perfettamente l'ambientazione bretone, probabilmente influenzata dalle origini bretoni della moglie del compositore, attraverso l'efficace evocazione del mare. Il Concerto op. 16 per pianoforte e orchestra di Grieg è certamente uno dei lavori più famosi del genere, pur essendo stato scritto da un compositore non pianista. Eseguito per la prima volta a Copenaghen il 3 aprile 1869 dal pianista Edmund Neupert, a cui è dedicato il lavoro, nonostante il grande successo ottenuto lasciò insoddisfatto il compositore norvegese soprattutto per quanto riguarda la parte orchestrale che in seguito sottopose a varie revisioni. La favola La vergine dei ghiacciai di Andersen ispirò Stravinskij, insieme al suo rapporto personale con la musica di Čajkovskij, quando la celebre ballerina Ida Rubinstein gli commissionò nel 1928 un balletto nella ricorrenza del trentacinquesimo anniversario della morte del grande compositore russo. La prima rappresentazione del balletto Le baiser de la fée (Il bacio della fata) avvenne all'Opéra di Parigi il 27 novembre 1928, sotto la direzione dello stesso autore. In seguito Stravinskij ricavò dallo stesso una suite sinfonica chiamata divertimento, costituita da quattro movimenti. Il primo corrisponde alla Sinfonia, il secondo è costituito da una serie di Danze svizzere, il terzo è uno Scherzo ed infine il quarto, un Passo a due, comprende un Adagio, delle variazioni e una coda. Info: 091 6072532 - biglietteria@orchestrasinfonicasiciliana.it Note biografiche Joaquim Jousse, direttore Riconosciuto come uno dei più brillanti direttori d'orchestra francesi della sua generazione, Joachim Jousse vince nel 2006 il Concorso internazionale per direttore assistente dell'Orchestra Nazionale di Francia ricevendo in quell'occasione le congratulazioni del M° Kurt Masur ed ottenendo l'incarico per tre stagioni da parte di una delle migliori orchestre mondiali. Dal 2003 Pierre Boulez lo invita a lavorare presso il festival di Lucerna come suo assistente esprimendo per iscritto al suo giovane allievo tutta la sua ammirazione per 'il suo grande talento di direttore d'orchestra nonché per il suo lavoro devoto e impegnato'. La sua carriera internazionale inizia nel 2000 sul podio dell'Orchestra Sinfonica della Radio Olandese e prosegue come direttore ospite in Francia e all'estero. Il suo primo concerto negli Stati Uniti avviene nel 2010 dove dirige la Vermont Mozart Festival Orchestra per il concerto inaugurale della stagione davanti a duemila persone che gli tributano un'ovazione. In Italia dirige l'Orchestra Arturo Toscanini di Parma e del Teatro Carlo Felice di Genova. Nel 2012 è in Sicilia dove dirige una tournée dell'Orchestra del Festival Palermo Classica. Nel 2006, viene nominato direttore musicale e stabile dell'Ensembre Orchestral Les Voyages Extraordinaires e, nel 2008, direttore musicale dell'Ensemble Chronochromie con il quale esegue repertorio del XX° secolo. Ha diretto numerosi solisti internazionali tra i quali: Shlomo Mintz, Augustin Dumay, Sarah Nemtanu, Anna Tifu, Kristof Barati, Anne Gastinel, Ivo Pogorelich, Jean-Claude Pennetier, Georges Pludermacher, Emmanuel Rossfelder, Jean-Philippe Lafont, Uran Urtnasan-Cozzoli, Sylvia Hwang, Anna Kasyan, etc. Ha vinto numerosi premi. In particolare ne ha ottenuto cinque dopo il suo ingresso a sedici anni al Conservatorio Nazionale Superiore di Musica di Parigi diventando il più giovane diplomato della classe d'orchestrazione. Ha ottenuto inoltre il primo premio al Concorso Dautremer di Direzione d'Orchestra nel 1999 e, due anni più tardi, al Concorso di direzione d'orchestra della Radio France a Montpellier. E' stato direttore assistente dell'Orchestra francese des Jeunes. Allievo di Vitaly Kataev, David Robertson, Peter Eötvös et Jorma Panula, ha approfondito la sua formazione in Olanda, Germania e Svizzera. Si è infine laureato presso l'Accademia di Belle Arti dell'Institut de France per il suo lavoro sulla musica francese. Juan Lago, pianoforte Ha studiato presso i Conservatori di Malaga, Amsterdam e al Real Conservatorio di Madrid. I suoi maestri sono stati Juan J. Peralta, Jan Wijn, Ana Guijarro e Leonel Morales. Ha seguito, inoltre, le master classes di Josep Colom, Claudio Martínez Mehner, Eugen Indjic, Gyorgy Sebok, Imre Rohman e Stanislav Pochekin. Ha vinto il primo premio del Concorso Internazionale di Pianoforte di Las Rozas nel 2005 ed ha ottenuto numerosi altri premi in competizioni pianistiche internazionali quali il Concorso 'Citade de Ferrol', 'Alexander Scriabin di Grosseto e 'Valsesia Musica' di Varallo Si è esibito in Spagna, Portogallo, Francia, Inghilterra, Germania, Olanda, Italia e Turchia ed ha collaborato in qualità di solista con le Orchestre: Sinfonica Provincial di Malaga, Sinfonica di Cordoba, Comunidad di Madric, Orchestra di Valencia, Orchestra Sinfonica Siciliana, Filarmonica di Bacau e Sinfonica di Cukurova. E' stato docente al Conservatorio Superiore di Musica di Salamanca ed, attualmente, al Conservatorio José Iturbi di Valencia. I suoi allievi hanno ottenuto più di 50 premi nazionali ed internazionali in competizioni pianistiche. E' fondatore e direttore artistico dei concorsi internazionali per pianoforte di Campillos e Paterna nonché del Festival di musica da Camera di Campillos e del Festival per giovani pianisti di Valencia. Ha preso parte in qualità di componente della giuria a competizioni internazionali svoltesi a Las Rozas, Madrid, Aachen e Cantù e viene spesso invitato ad effettuare master classes in Spagna Italia e Germania.

foto foto