Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

'parco per cani e gatti'

(17 Maggio 2015)

Il 17 maggio 2015 alle ore 11.00 verrà presentato ufficialmente il progetto di realizzazione del primo Parco per Cani e Gatti che sorgerà su un bene confiscato alla mafia, un terreno di circa 27.000 metri quadri , 'Fondo Magliocco' a Falsomiele , Palermo, assegnato all'Associazione SOS Primo Soccorso Cani e Gatti Onlus. Un parco per cani e gatti ma anche per la cittadinanza. Il primo in Sicilia e nascerà a Palermo. Uno spazio dove gli animali potranno vivere sereni e senza paure, accuditi e rispettati da persone che si occuperanno di loro ogni giorno amorevolmente. Gli animali sono esseri sensibili ed hanno una loro dignità spesso calpestata, molti di loro sono costretti a vivere per strada, abbandonati e seviziati, avvelenati, in ogni momento a rischio della vita. La struttura sarà gestita dall'Associazione SOS Primo Soccorso Cani e Gatti onlus, nata nel 2006 e presieduta da Francesca Cognato, una donna straordinaria che già da vari anni si prende cura, in una struttura molto precaria, di 130 cani e 40 gatti che saranno i primi ospiti della nuova struttura. Tutte le opere realizzate secondo quanto previsto dalla legislazione regionale in materia e nel pieno rispetto della natura del paesaggio grazie agli approfonditi studi dell'Arch. Massimiliano Masellis e dei suoi collaboratori. Strutture, moderne e funzionali , che ben riparano gli animali dal freddo e dal caldo, integrate nel paesaggio tipico della Conca D'oro, dove sarà anche realizzato un poliambulatorio veterinario, con sala chirurgica, diagnostica, degenza , riabilitazione e fisioterapia. L'ambulatorio sarà al servizio degli animali ospiti del parco, ma anche aperto all'esterno. Nel parco si troveranno inoltre vari servizi per gli animali :i tolettatura, una pensione, dogsitting, centro di addestramento, programmi di Pet- Terapy etc , il tutto per permettere l'autosostentamento della struttura . Previsto anche un forno per la cremazione degli animali, a basso impatto ambientale, deceduti ed i loro resti saranno conservati in apposite cellette. Ci sarà spazio anche per una libreria animalista, per un piccolo auditorium per convegni, dibattiti e proiezioni di filmati sul mondo degli animali, un punto di ristoro dove potranno essere gustati i prodotti biologici e vegani anche per sensibilizzare verso una dieta senza la presenza di carni a tavola. Un immobile esistente verrà ristrutturato e sarà utilizzato per l'alloggio del custode e gli uffici dell'associazione. Saranno realizzate pochissime strutture indispensabili al funzionamento del parco e all'assistenza degli animali, tutti in materiali leggeri, in legno, ecocompatibili e che si armonizzano con il paesaggio circostante. Il parco degli animali sorgerà all'interno di questo meraviglioso giardino pianeggiante dove la parte preponderante è coltivata a manderineto, ma vi si trovano anche alberi di nespolo e arancio. In un suo angolo si farà anche un orto biologico. Tutti i prodotti verranno utilizzati nella mensa veg e saranno offerti anche ai visitatori del parco, dietro liberi compensi destinati agli animali. Ogni intervento dovrà anche essere da stimolo verso una condizione di vita più a misura d'uomo. Come ad esempio la coltura biologica, la dieta vegana, il risparmio energetico, l'uso del legno al posto del cemento, il risparmio energetico, l'uso di energie alternative ed il rispetto dell'ambiente. Il parco non sarà una struttura chiusa, ma aperta all'esterno, al contatto con la gente. Al suo interno ci saranno quindi spazi attrezzati per trascorrere qualche oretta in tranquillità e venire a contatto con gli animali, scoprirne la loro capacità di affezione ed il loro amore verso l'uomo. Ci sarà inoltre un'area che ospiterà un parco giochi per i bambini e percorsi sia pedonali che per muoversi in bicicletta. L'obiettivo della struttura che gestisce il parco non è solo quello di dare un rifugio gioioso e dignitoso agli animali che ospiterà, ma anche quello di portare avanti una grande campagna per stimolare le adozioni di cani e gatti e le sterilizzazioni che contribuiscono in modo efficace a ridurre il fenomeno del randagismo. Saranno portate avanti anche iniziative per favorire l'anagrafe canina e per dare consigli ed assistenza ai proprietari di animali che magari non sanno come gestire al meglio il proprio cane ed il proprio gatto. Saranno effettuate, in collaborazione con L'Asp, visite guidate per gli alunni di scuole elementari e medie, per sensibilizzarli verso la protezione ed il rispetto degli animali. La gestione del parco inevitabilmente finirà anche per creare nuova occupazione. Calcoliamo che a regime saranno impiegati una ventina di persone a tempo pieno tra addetti alla pulizia dei locali (dove saranno custoditi gli animali), giardinieri, addetti alla sorveglianza, veterinari ed infermieri, addetti ai servizi di tolettatura e pet terapy, addestratori, addetti alle riparazioni degli impianti e delle strutture di servizio, ecc. La gran parte del personale sarà reclutato tra soggetti svantaggiati a vario titolo (provenienti da percorsi penali, minori disadattati recuperati, poco scolarizzati, ex detenuti, persone che hanno subito maltrattamenti, extracomunitari) , anche in questo caso per dare una risposta alle situazioni più gravi del nostro tessuto sociale. L'associazione che curerà il parco si avvarrà anche di importanti collaborazioni specialistiche al fine di gestire la struttura nel migliore dei modi. Una prima intesa è già stata raggiunta con la Coop. Sociale MandArinart che si occuperà della cura degli alberi presenti nel parco e dell'inclusione sociale dei soggetti svantaggiati. Sarà aperto un conto corrente dedicato dove confluiranno tutti i fondi che serviranno per realizzare le opere. Daremo a tutto la massima trasparenza. In qualunque momento i donatori sapranno cosa abbiamo fatto o stiamo facendo con i loro soldi e con quelli provenienti dai servizi che erogheremo a soggetti privati.

allegato
allegato