Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

Le Stelle prima di noi - Conversazione con Massimo Cacciari

(05 Agosto 2015)

LE STELLE PRIMA DI NOI Conversazione con Massimo Cacciari - 5 agosto ore 20.30 - Castello Utveggio Richard Strauss (1864-1949) Also sprach Zarathustra op. 30 poema sinfonico per orchestra liberamente tratto da Friedrich Nietzsche Einleitung (Introduzione) Von den Hinterweltlern (Di coloro che vivono fuori dal mondo) Von der großen Sehnsucht (Dell'aspirazione suprema) Von den Freuden und Leidenschaften (Delle gioie e delle passioni) Das Grablied (Il canto del sepolcro) Von der Wissenschaft (Della scienza) Der Genesende (Il convalescente) Das Tanzlied (Il canto di danza) Nachtwanderlied (Canto del nottambulo) Direttore Stefan Klingele Orchestra del Teatro Massimo Saranno il filosofo Massimo Cacciari e il grande poema sinfonico 'Così parlò Zarathusra' di Strauss i protagonisti, domani mercoledì 5 agosto alle 20.30, del secondo appuntamento con il ciclo di musica e incontri sulle stelle a Castello Utveggio, il maniero sulla cima di Monte Pellegrino da cui si domina la città intera. Grandi personaggi e capolavori della musica del Novecento insieme per un ciclo dedicato alle stelle. Tema della serata: 'Le stelle prima di noi'. Per il poema sinfonico Also sprach Zarathustra (Così parlo Zarathustra) Richard Strauss trasse ispirazione dal libro omonimo di Friedrich Nietzsche. Composto nel 1896 ed eseguito per la prima volta a Francoforte nello stesso anno, il poema sinfonico si apre con la famosa fanfara iniziale, che accompagna il sorgere del sole; ogni sezione della partitura fa riferimento al titolo di uno dei capitoli del libro. Strauss scrisse su Also sprach Zarathustra: 'Non ho inteso scrivere musica filosofica o ritrarre musicalmente il capolavoro di Nietzsche. Ho preferito convogliare nella musica un'idea dell'evoluzione della razza umana dalle sue origini, attraverso varie fasi di sviluppo, religioso e al tempo stesso scientifico, sino all'idea nietzschiana del Superuomo. L'intero poema sinfonico è inteso come un mio omaggio al genio di Nietzsche, che trovò la sua massima manifestazione nel libro Also sprach Zarathustra'. A dirigere l'Orchestra del Teatro Massimo sarà Stefan Klingele, per tre anni direttore al Gärtnerplatztheater di Monaco; dal 1999 Kapellmeister e poi direttore principale al Teatro di Brema, dove ha diretto diverse prime mondiali di opere di Battistelli e Kalitze; ospite dei principali teatri d'opera europei: Stoccolma, Copenaghen, Oslo, Dresda, Hannover, Vienna. A introdurre la musica sarà il filosofo Massimo Cacciari. Cacciari ha tenuto lezioni, corsi e conferenze in numerose università e istituzioni europee. Tra i più prestigiosi riconoscimenti, il premio Hannah Arendt per la filosofia politica nel 1999, il premio dell'Accademia di Darmstadt nel 2002, la medaglia d'oro del Circulo de bellas Artes di Madrid nel 2005, la medaglia d'oro 'Pio Manzù' del presidente della Repubblica Italiana nel 2008, il premio De Sanctis per la saggistica nel 2009, la laurea honoris causa in Architettura dell'Università di Genova nel 2002, quella in Scienze politiche dell'Università di Bucarest nel 2007, quella in Filologia classica dell'Alma Mater di Bologna nel 2014. Dalle 19 alle 20.15 è previsto un servizio navetta gratuito con partenza dal piazzale Antonio Sellerio ('falde' di Monte Pellegrino) al Castello Utveggio che riprenderà al termine dello spettacolo, dalle 22. Non sarà possibile parcheggiare la propria auto nelle vicinanze di Castello Utveggio. I biglietti d'ingresso (20 euro, comprensivi di servizio navetta) si possono acquistare esclusivamente alla biglietteria del Teatro Massimo oppure on line sul sito del Teatro fino alle 18 di domenica. 'Un'iniziativa - dice il sovrintendente Francesco Giambrone - che sottolinea ancora una volta la vocazione del Teatro ad aprirsi alla città e a coinvolgere il pubblico in modo nuovo e non convenzionale'. 'Le mura del teatro - dice il direttore artistico, Oscar Pizzo - sono diventate troppo strette per la nostra Fondazione e l'estate ci dona l'occasione di portare musica in tutti i luoghi della città dal mare al cielo'.

mappa
foto foto