Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

Graffiti. Poetiche della rivolta

(09 Novembre 2015)

Anche quest'anno approda a Palermo dal 2 al 15 novembre, il 'XL Festival di Morgana'. Lunedì 9 novembre sono due gli appuntamenti programmati nell'ambito della quarantesima edizione del Festival di Morgana. Alle 17.30 Alessandro dal Lago e Gianfranco Marrone dialogheranno con Marcello Faletra per la presentazione del suo libro 'Graffiti. Poetiche della rivolta'. A seguire, sarà inaugurata la mostra Omaggio a Enrico Baj, che espone le creazioni degli allievi del Corso di Teatro di Figura e di Antropologia culturale, dell'Accademia di Belle Arti di Palermo. Nel suo ultimo libro 'Graffiti. Poetiche della rivolta' Marcello Faletra propone una lettura radicale del popolare fenomeno del graffitismo chiamando in causa discipline e strumenti di analisi diversi come la storia dell'arte, la pratica sociale del linguaggio e la sociologia del quotidiano. Michel Foucault parlava di 'codificazione strumentale del corpo' nella costituzione del potere disciplinare, a cui occorre aggiungere, oggi, la codificazione strumentale dello sguardo. 'Corpi docili' e sguardi assoggettati sono alla base della produzione dello spazio nel capitalismo. Si ha il diritto di mostrare qualsiasi immagine solo se questa, anche se violenta, è monetizzabile e conforme al flusso mediatico mercificato e alla subordinazione del linguaggio al capitale. Diversamente, anche l'immagine più innocua, la più seducente ed eccentrica come può esserlo un graffito, se tocca la sovranità del potere sulla produzione sociale dello spazio, non è certo che abbia diritto di esistere. Una radicale lettura del vasto fenomeno del graffitismo che interseca discipline e strumenti di analisi diversi come la storia dell'arte, la pratica sociale del linguaggio e la sociologia del quotidiano, che nel loro intrecciarsi restituiscono un volto ben diverso del cosiddetto 'vandalismo' cui spesso i graffiti vengono relegati. Il saggio è introdotto da due testi di Michel Maffesoli e Franco Berardi Bifo. La mostra è visitabile nei giorni e orari di apertura del Museo (lun-sab 9-13, 14.30-18.30) Museo delle marionette Facebook ufficiale

mappa
allegato
foto